Quando assumi qualcuno

No Comments

 

 

 

 

Che succede quando assumi qualcuno nel tuo studio?

Quando dobbiamo assumere qualcuno non sempre abbiamo la fortuna di trovare una persona che sappia già cosa fare, diciamo che non succede quasi mai.

Spesso succede che qualcuno mi dica, l’ho assunta per il curriculum ma credo mi abbia mentito! Non sa fare quello che pensavo, vabbè! Però ha volontà imparerà. 

Fermatevi qui, imparerà implica che qualcuno le insegni, ma quanto tempo abbiamo noi da dedicare alla formazione di un nostro dipendente? L’avevamo assunta perché ci servisse una mano non per lavorare il doppio e allora capita di dire seguimi e osserva e imparerai! Bella o brutta idea?

Vi racconto cosa è capitato a me, circa 15 anni fà, nell’ osservare il flusso di lavoro dello studio facevo la cosa apparentemente più semplice si potesse fare, gestivo l’agenda prendevo appuntamenti e mi preoccupavo di comprare le cose che mi venivano chieste… facile no? Che mi dovevano insegnare? 

1. A rispondere a telefono ero capace 🤣 

2. Ad alzare il citofono, anche 😅

3. A spendere ero una professionista😎

Un giorno ebbi il compito di prenotare un appuntamento ad una signora per una prova biscotto 🍪, ok, pensai adesso faccio bella figura, mi recai al supermercato e comprai tre confezioni di biscotti di diversa consistenza, d’altronde era chiaro Vincenzo voleva capire la signora come masticava con i denti nuovi, arrivato il tecnico gli chiesi di darmi una mano a scegliere… imaginate la reazione? Scoppio a ridere 😂.

Oggi anch’io ma all’epoca mi mortificai ci avevo messo il cuore ma si sa non ci si può improvvisare su di un lavoro bisogna formarsi.

Non credo sia una buona idea chiedere a qualcuno di osservare per imparare:

Immaginate per un attimo se aziende come la Apple o McDonalds inserissero nel loro organico qualcuno dicendogli semplicemente guarda e impara poi capirai… Ma capirai cosa? 

1. La mission? 

2. Il brand? 

3. I miei protocolli?

4. Il mio progetto o la mia comunicazione aziendale?

Ora a meno che tu non abbia trovato il genio della lampada e stai assumendo qualcuno che può insegnare a te e che quindi ad uno sguardo gli è tutto chiaro, non può essere una strategia: guarda e impara.

Analizziamo il paradosso nel quale ci troviamo di fronte al momento dell’assunzione:
io assumo qualcuno perché la mia attività è cresciuta e alcune mansioni le devo delegare perché non ho più il tempo per potermene occupare, nel caso io sia un passo avanti l’attività è cresciuta ulteriormente e devo aumentare il personale poiché le mansioni sono aumentate e specializzatesi ulteriormente quindi assumo.
Il punto sul quale voglio soffermarmi è il tempo, o meglio il bisogno di ognuno di noi di avere più tempo, la strategia dell’assumere qualcuno per delegare e riuscire a dilatare il proprio tempo è corretta, il modo invece in cui lo facciamo apre la discussione. Le parole chiavi per uscire da quest’impasse sono:
– organizzazione
– chiarezza
– progettualità

Che tradotte diventano, organizzazione del nostro lavoro quindi le nostre procedure interne, quei passaggi fondamentali che abbiamo percorso per arrivare fin qua rendendoli fruibili in protocolli, la chiarezza dei ruoli e della comunicazione interna ed esterna, la progettualità rappresenta invece dove stiamo andando e dove vorremmo arrivare. A leggere sembra ovvio, ma nella pratica non sempre è così, il problema è che spesso il punto di partenza del medico odontoiatra è apro il mio studio e pratico la clinica, il resto che poi accadrà diventa un imprevisto. Voglio farvi un esempio un po’ forte imaginate che nel 2004 nel periodo di Natale vi foste recati alle Maldive, la vostra aspettativa era quella di fare delle vacanze natalizie fighe e rilassanti… ma poi gli eventi vi hanno dovuto catapultare in un altra realtà, ricordate lo tsunami? I fatti sono questi non sempre partiamo preparati per quello che arriverà per questo in un progetto di evoluzione del vostro studio è fondamentale non fare le cose a caso. Durante lo tsunami una bambina di dieci anni Tilly era stata preparata a scuola a riconoscere quel tipo di pericolo ed è riuscita a salvare circa un centinaio di persone sulla spiaggia di phuket, impressionante vero! 

Steve Jobs è stato un grande genio del marketing e un imprenditore straordinario, ma senza Steve Wozniak, Jonathan Ive, Tony Fadell e loro team, non avrebbe mai inventato niente, giusto? (Codice Montemagno pag 66.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*