Philosophy

“No-one would follow someone who leads along a path that hasn’t already crossed by himself”

(Rossella Aurilio)

 

 


corso di formazione clinica

If you follow past peoples footsteps, who have known what to do you can save time and cut risks down.

 

 

Actually following a drawn road while you are learning is primary but unfortunately it creates work stereotypes hard to forget :

– because “it has always been like that”, “I am noone to change things”. Just think about how much time it took the management to join the clinical practice. If you don’t have it yet , don’t worry, take your time and have some courage to speak up! 

– because people mythologize historical figures and think that making it better than them is impossible. 

IDiagnosi is born from the desire to experience new ways and compare all different dental features. “only making mistakes, you can be successful ” this saying can be useful when the practice is supported by the theory and the comparison is the best gift we can receive.

Our aim is to share what we have learned and refine in order that you leave your comfort zone and see new opportunities to ensure you are operating at best in your everyday working life.

In the twentieth century where the present is already the past and the future is so fast that is difficult to own, I do not believe we can stop to what we already know is good.

Odontology is a branch where specialization, technology, marketing and the new media seem to take the upper hand and speaking about comfort zone it would be like feeling an ant trapped on a white sheet surrounded by a black circle (for the curious one, you can see the experiment on youtube.)

A very old saying acts :

“Those who knows, do. Those who doesn’t know, teach. Those who couldn’t teach, manage. Those who couldn’t manage, are politicians. Those who couldn’t even be a politician, elect them.”

We do not have to be afraid by people’s judgements, there will always be someone better than us, our philosophy is to share our knowledge to make it reproducible and to be the first of this saying “I make it because I know it.”

 

 

 

 

Who we are

 

Everyone starts with “can you help me open my dentist’s office? You just answer the phone, welcome the patient and if you want, you will give me an hand with everything else.” 

We were just in two, living different worlds, psychology and dentistry, staying in a raw apartment with an high rent. We were supposed to help each other for a short period of time, until we could start our career.

Things did not go like this, the passion for marketing and for management we share, contaminated our days and here we are.

Antonia

Naturally I did not want to be a dentist, so I did what a wife can do better  😈, I sneaked in his life and took root mixing my life with his.

At the beginning it was difficult to find my place in his work, or better I prefer to call it “the teeth mini-world”, because the more important necessity of a fledgling office is to increase the number of patients and not to manage them. The other point that condition of a young dentist’s life is wanting to do the best and certainly it could then be an error giving too much because the precious thing is to make and make, not thinking about razionalising the forces. 

When I finally took my place in the dentistry marketing, what did he think? He named me as his psychowife. 🤦🏻‍♀️

Vincenzo

At the beggining I already knew what to do, the dentist, so it was a little bit difficult leaving space to my wife and her strange ideas, but in time some ideas proved effected to our management.

We just found the right formula creating two parallel ways in our office, the clinical and the extra-clinical one. Sharing the everyday life with your own wife is useful for the work experience, but not useful in your private relationship 😏 because you are sharing the same place but not the same time. 😈

The training project is a passion we share and we think also that keeping always same beliefs doesn’t profit anyone. Until now our theory is going well, so today it is the moment to explain and share it with you.

Dr. Vincenzo Carbone

 

 

 

 

 

 

BIOGRAPHY

Specialist on Oral Surgery, Orthodontics and Gnathology.

I would like to share with you my working life through these lines and I hope you will prove all the love and passion I put into my profession.

I started very soon, I was only twelve when after school I helped a dental laboratory near my house carrying small tasks out. It was a place where I could spend my time intelligently and not being in the middle of the street wasting it. After six years of laboratory and my dental technician diploma I obtained at the Ipsia Institute Casanova of Naples in 1998, I kept working in the same laboratory but looking more at the clinical part, specifically at the surgery and orthodontics departments of the Odontostomatology Institute of the Second University of the Studies of Naples. There I attained the degree with the highest mark in Dentistry and Dental Prosthesis in 2004 with an experimental thesis in special surgery odontostomatology . In 2005 I attained the Second Level Master in aesthetic and conservative dentistry at the Federico Secondo University of Naples. In 2006 I graduated the advanced course in stomatological surgery and surgical techniques at the Second University of the Studies of Naples. In 2010, in the same University, I graduated with first-class honors in surgical residency. In 2016-2017 I attended advance training in face xp ortodonthics in accordance with the Roth and Cocconi philosophy.

I attended less important courses and went as private practice since 2004 at different offices.

I am an author of scientific publication and also supervisor of international congress.

Founder of the professional association IDIAGNOSI.

I opened my own dental office in 2008 with my wife and since than in our growth of different experiences, efforts and investments, we came up in this beautiful new structure opened in 2013 where our excellent staff maturated and in the years we received lots of appreciations for our collective work. We will be glad to welcome you in our office to show you our professional abilities. 

 

 

Dott.ssa Antonia Nappi

 

 

 

 

 

 

BIOGRAPHY

The passion of my entire life has always been psychology of the human being : interest has always kicked off to every single experience of my life.

I have never been afraid of new challenges, this helped me to move into different areas of my studies.

I take care of the business side of our office, business developments and the management of the staff, these are the bread and butter of my daily life.

Psychologist, Psychoterapist Sistemico Relazionale

I have a clinical psychology degree, at the same time I majored in behavioral management in Rome.

In 2013 I majored in Psicoterapia Sistemico Relazionale in Caserta, during my journey as psychoterapist I attended different management courses of dental practice activities and majored in psicoprofilassi at the birth.

By accident and for necessity in 2006 I had to help my partner in his daily job. This creates a perfect chemistry between his studies and mines and I started to love the dentist mini-world. After many years of growth , our different professionals and character abilities melt together giving rise to our beloved office. I believe very strongly that the psychological well-being and the physical and mental health is a necessity also in a dental office, so I tried to expand my horizons and put my therapeutic print in our company. Since 2008 my function melted with Carbone’s Orthodontic Office and since then we face the challenge to set up the right experience for our patients to care about them-selves , most of all to prevent their health.











prova

aaaaaaaaaaa

BBBBBBBBBBBBBB

Video

 

Conservativa a stampo

 

Agenesia dei laterali: lembo di accesso roll flap

Recessione parodontale con tecnica linguale senza attacchi.

Rigenerativa ossea pianificata su modello 3D

Chirurgia degli ottavi.

 

Odontectomia del 4.8

 

Impronta in gesso per implantologia full arch.

Cerec funzione modifica modello

Dal naming alla telefonata il percorso della conoscenza che affrontano i pazienti.

integrazione software inlab DSD

Chi siamo

 

 

Tutti iniziano cosi: mi dai una mano ad aprire lo studio? Tanto devi solo rispondere al citofono, far entrare e magari se ti va mi dai una mano con il paziente poi…

 

Eravamo in due, ognuno con il suo mondo, io la psicologa e lui l’odontoiatria, un’appartamento grezzo e un affitto da capo giro, sembravamo dovessimo solo darci una mano per un periodo limitato il tempo nel quale ci saremmo avviati entrambi.

 

Le cose non sono andate proprio così, la passione che avevamo entrambi per il marketing e per la gestione ha contaminato le nostre giornate ed eccoci qua.

Antonia: 

Naturalmente non potendo ma sopratutto non volendo fare l’odontoiatra da grande ho fatto quello che di solito una moglie sa fare bene 😈, mi sono insinuata nella sua vita e ho impiantato le mie radici, contaminando il suo mondo con il mio.

All’inizio non è stato semplice trovare il mio posto all’interno nel suo mondo,o come preferisco chiamarlo io “il mini mondo dei denti”, perché in uno studio agli arbori la necessità più importante non è sicuramente gestire i pazienti, piuttosto farli venire. L’altro punto che condiziona la vita del giovane odontoiatra è la voglia di far bene quindi sicuramente alberga l’errore di fare troppo piuttosto che razionalizzare le forze, perchè l’importante è fare.

Poi quando finalmente ho trovato il mio posto nel marketing odontoiatrico lui che fa? Mi battezza la mia psicomoglie 🤦🏻‍♀️.

 

Vincenzo:

All’inizio non è stato facile lasciare spazio a lei, io sapevo bene cosa fare, l’odontoiatra, lei insomma aveva idee strane🤪, ma stranamente efficaci sulla gestione.

Abbiamo trovato la giusta formula creando due strade parallele nello studio io quella clinica, lei quella extraclinica, utile sul lavoro e nella vita personale lavorare con la propria moglie non è semplice 😏, cosi condividiamo lo spazio ma non il tempo😈.

Il progetto della formazione è la passione di entrambi, crediamo che restare chiusi nelle proprie convinzioni non abbia mai giovato a nessuno, il nostro esperimento di contaminazione è riuscito ed oggi vogliamo condividerlo con voi. 

 

 

 

 

Dr. Vincenzo Carbone

formazione odontoiatrica

BIOGRAFIA

Specialista in Chirurgia Orale, ortodonzia e Gnatologia.

Vorrei raccontarvi la mia vita lavorativa attraverso qualche riga e spero che leggendole riuscirete a sentire l’amore che ho per questa professione.

Ho cominciato molto presto, all’età di 12 anni dopo la scuola  svolgendo piccole mansioni in un laboratorio odontotecnico vicino casa come lavoro estivo, un luogo dove far passare il tempo e non stare per strada a non far niente. Dopo tanti anni di laboratorio circa 6 e un diploma da odontotecnico conseguito presso l’istituto ipsia Casanova di Napoli nel 1998, ho continuato a lavorare da tecnico presso lo stesso laboratorio, ma affacciandomi sempre di piu alla clinica presso i reparti di chirurgia e ortodonzia dell’istituto di odontostomatologia di napoli Seconda Università Degli Studi Di Napoli, dove ho raggiunto la laurea  con il massimo dei voti in Odontoiatria e protesi Dentaria nel 2004, con una tesi sperimentale in chirurgia speciale Odontostomatologica. Nel 2005 ho conseguito, presso l’UniversitàFederico Secondo di Napoli, il Master di Secondo Livello in odontoiatria estetica e restaurativa. Nel 2006, presso la scuola di specializzazione in chirurgia odontostomatologica della Seconda Università Degli Studi Di Napoli, ha conseguito il corso di perfezionamento in chirurgia stomatologica e tecniche chirurgiche. Nel 2010, nello stesso ateneo, ho conseguito con lode la specializzazione in chirurgia Orale.  Nel 2016 -17 ho conseguito il corso di perfezionamento in ortodonzia Face xp secondo la filosofia Roht e Cocconi.

Ho seguito tanti altri corsi minori svolgendo la mia attività di libero professionista dal 2004 presso vari studi e strutture, sono autore di pubblicazioni scientifiche e relatore in congressi nazionali.

Fondatore dell’associazione professionale idiagnosi.

Ho innaugurato il mio primo studio odontoiatrico nel 2008  insieme alla mia compagna e da allora  in un crescendo di esperienza  fatiche ed investimenti siamo approdati presso la nuova struttura innaugurata nel 2013, in essa umori ed esperienze maturate uno staff eccellente e sempre in crescita ed evoluzione in questi anni siamo riusciti ad ottenere consensi ed apprezzamenti per il nostro operato. Saremmo lieti di accogliervi nella nostra struttura mostrandovi da vicino tutta la nostra competenza.

Dott.ssa Antonia Nappi

formazione odontoiatrica

BIOGRAFIA

La passione della mia vita è sempre stata la psicologia legata all’essere umano; la curiosità è sempre stata il motore che ha dato l’avvio ad ogni mia singola esperienza.

Non mi sono mai spaventata di fronte a nuove sfide, questo mi ha portato a spaziare in vari settori legati ai miei studi.

Mi occupo della parte imprenditoriale dello studio, dinamiche aziendali e valorizzazione del personale sono il mio pane quotidiano.

Dott.ssa Antonia Nappi 

Psicologa Psicoterapeuta sistemico relazionale. 

La passione della mia vita è sempre stato l’essere umano, e la curiosità è sempre stato il motore che ha dato l’avvio ad ogni mia singola esperienza, per questo non mi sono mai spaventata di fronte a nuove esperienze. 

Mi sono laureata in psicologia clinica e dello sviluppo nel 2007, contemporaneamente mi sono specializzata in gestione del comportamento del peso corporeo a Roma. 

Nel 2013 Mi sono specializzata in psicoterapia Sistemico Relazionale a Caserta, durante il mio percorso come psicoterapeuta ho seguito diversi corsi sulla gestione degli studi odontoiatrici e specializzata in psicoprofilassi al parto. 

Dal 2006 per caso e un po’ per esigenza mi sono ritrovata ad aiutare il mio compagno di vita nel suo lavoro quotidiano, questo ha fatto si che si creasse una perfetta alchimia fra i miei studi e i suoi, e mi ha fatto appassionare al mondo dell’odontoiatria. 

Durante gli anni questo connubio è cresciuto facendo si che le nostre diversità professionali e caratteriali si fondessero dando vita al nostro studio. Essendo forte della convinzione che la psicologia e il benessere psicologico, ma sopratutto che la tutela della salute psicofisica non è da espletare solo nello studio di un terapeuta, ho allargato gli orizzonti e ho cercato di mettere la mia impronta terapeutica nello studio Odontoiatrico. 

È dal 2008 che la mia figura professionale si è fusa con lo studio odontoiatrico carbone,e da allora che insieme affrontiamo la sfida di creare la giusta esperienza odontoiatrica per far sì che i nostri pazienti si prendano adeguatamente cura di se stessi. 

 

Study Club

Aria nuova, aria di casa vostra: come combattere i bias decisionali.

 

             Non esiste nessuna scorciatoia ma solo la strada più difficile.

Non vi andrebbe di curiosare nello studio di altri colleghi per respirare un aria diversa, capire i processi decisionali secondo altri punti di vista, un confronto stimolante tra colleghi.

Vivere sensazioni legate all’indecisione diagnostica e le discussioni legate a scelte con visioni diversificate, quel momento di imbarazzo posto con dubbio di fronte anche al caso più ovvio e che rappresenta crescita, l’obbligo etico che nella terapia va sempre ricercato, ovvero la predicibilità a lungo termine legato alla scelta migliore, per sentirsi a proprio agio nel caos e agire con decisione in mezzo a tale incertezza.

    È sempre stata una mia esigenza sperimentata amata e maturata fino a diventare un mio servizio.

Abbiamo deciso di ospitare i colleghi qui nella nostra struttura per aprire una finestra al confronto come risposta alla frequente domanda che ci fanno alla fine di ogni corso sia esso clinico che extraclinico: “posso frequentare il vostro studio e capirne di più sulle tecniche digitali, sulla fase di programmazione ortodontica, chirurgica e sul flusso gestionale?”

Con l’adesione allo Study Club avrete la possibilità di seguire con noi, le districate fasi della gestione clinica ed extraclinica e assistere alle live in programmazione partecipando in fase attiva ai protocolli decisionali, frequentare con scadenza mensile la nostra struttura fino a farne parte attivamente.

Per informazioni contattare la segreteria organizzativa al num 0815123928 o inviare un email a idiagnosi@gmail.com 

Per saperne di più ed iscriverti, visualizza gli obiettivi del corso e cosa ti offriamo?

 

   

 

FILOSOFIA

“ Nessuno seguirebbe chi conduce lungo un sentiero che non abbia percorso a sua volta”

(Rossella Aurilio)

 

 

 

 

 

 

Abbiamo tutti iniziato seguendo le orme di chi ci ha preceduto, di chi già sapesse fare, perché per logica e per paura si cerca sempre la strada già percorsa dagli altri, fa risparmiare tempo e riduce i rischi.

 

In realtà seguire un sentiero già tracciato mentre, si è in formazione è fondamentale ma purtroppo crea anche una serie di stereotipi lavorativi che sono difficili da scardinare:

-perchè si è sempre fatto così, chi sono io per cambiare le cose. Pensate a quanto tempo ci è voluto per far si che il gestionale entrasse a far parte della pratica clinica … “Se ancora non l’avete tranquilli! Siete ancora in tempo basta solo un po’ di coraggio!”

-perchè mitizzano alcune figure storiche che sembra non possono essere emulate poiché meglio di loro non si può!

IDiagnosi nasce invece dalla voglia di sperimentare nuove strade e di confrontarsi sulle più svariate tematiche dell’odontoiatria, “solo chi sbaglia può pensare di farcela”, questo è un format dove la pratica supportata dalla teoria sarà un utile guida, e dove il confronto è il commento più gradito che possiamo ricevere.

Il nostro scopo è condividere ciò che abbiamo imparato e perfezionato per farvi uscire dalla vostra comfort zone e darvi la possibilità di vedere nuove opportunità e sopratutto di replicare nel vostro quotidiano ciò che vi serve a migliorare.

In un momento storico in cui il presente è già passato e il futuro sembra così veloce da essere diventato difficile da possedere, non credo si possa più restare fermi a ciò che già si sa fare molto bene.

L’odontoiatria è ormai un campo dove, l’iper specializzazione, la tecnologia, il marketing, i nuovi mezzi di comunicazione sembrano fargli da padrone, e dove parlare di comfort zone significherebbe essere come le formiche che possono essere intrappolate su di un foglio di carta bianco, piano, semplicemente disegnandogli intorno un cerchio con una penna dal quale non riesce ad uscire ( per i curiosi potete vedere l’esperimento su you tube).

Un vecchio detto popolare recità:

“Chi sa, fa. Chi non sa, insegna. Chi non sa Insegnare, dirige. Chi non sa dirigere fa il politico. Chi non sa nemmeno fare il politico, lo elegge.”

Non dobbiamo avere paura dei giudizi ci sarà sempre qualcuno che lo farà meglio di noi, la nostra filosofia è condividere il sapere per renderlo riproducibile e quindi essere in cima alla catena di questo detto e diventare io faccio perché so!

 

 

 

 

HOME

 

 

      Benvenuti a casa !  

 

 

 

  Marketing clinico: prima l’uovo o la gallina?

 

 

Un dilemma che mi affligge da parecchio è: chi ha scritto le leggi del marketing?

era una mente brillante, stratega del del mercato o era un brillante clinico che ha solo tradotto nel mercato le sue intuizioni?

 Nel nostro campo vale quanto il dilemma: è nato prima l’uovo o la gallina. 

Noi clinici, siamo l’uovo che produce o la gallina da spennare del marketing ?

      Leggi di più.

 

 

            Che succede quando assumi qualcuno nel tuo studio?

Quando dobbiamo assumere qualcuno non sempre abbiamo la fortuna di trovare una persona che sappia già cosa fare, diciamo che non succede quasi mai.

Leggi di più 

 Perché perdere tempo a pianificare? Smanettiamo!

 

 

 

 

 

In prima visita vi si presenta il paziente: “ dottore volevo sapere cosa devo fare…

cosa mi consigliate?”

e mentre voi cercate di trovare il modo più professionale per rispondergli, lui incalza:

“ io mi affido a lei, sono qui e ripongo in lei tutta la mia fiducia… mi hanno parlato così bene”

e poi io; finalmente posso rispondere come non ho mai potuto fare dalle elementari all’università,

ma adesso, quella è la risposta che mi fa guadagnare più stima e non solo !

Leggi di più 

 

 

 

                                                  Chirurgia Pianificata questa mi è sconosciuta…

Non è, che se guidi con navigatore vai sempre dove ti dice lui, ragioni con la tua testa!

Qui al sud è come dire: ma se ti dico di buttarti nel pozzo, tu ti ci butti?

   Leggi di più

 

         

      La rivoluzione digitale come fuga dall’ignoto. 

 

 

 

L’esigenza di cambiamento esiste già in ognuno di noi è l’innovazione tecnologica che ci circonda rappresenta il mezzo più potente di riflessione: bisogna sentirsi responsabili e attuare un cambiamento di prospettiva che ci aiuti a superare il futuro ! 

C’è un pannello solare su di ogni ombrellone ed un ingresso usb che esce per dare carica al mio iPhone ! Sono seduto sotto un ombrellone il 16 agosto nella mia settimana di vacanza.  E mi stavo chiedevo, coś è cambiato ?🧐

  Leggi di più.

 

 

 

 

 

   Se fossimo noi i pazienti?

 

 

 

Avete mai preso un appuntamento con voi stessi?

Avete mai aspettato nella vostra sala d’attesa che arrivasse il vostro turno?

Avete mai provato a chiedere un informazione, o a comunicare che avevate paura ad una vostra assistente

    Leggi di più.

 

 

 Chairside tutto in una seduta !


Ero abituato a pensare che più lavoravo intensamente e più avrei dovuto avere degli effetti sul profitto!

D’altronde nel corso di laurea non c’era un corso sul management il marketing e sulla la gestione del tempo.

Solo dopo anni, durante i quali ti sei scontrato con la realtà,  capisci che per dare valore al lavoro, occorrono sia l’efficacia ( fare le cose giuste ) che efficienza ( fare le cose nel modo giusto! ) Peter Drucker.

Leggi di più!

 

 

 

      Anche per i puzzle è richiesto un apprendimento, figuriamoci per la chirurgia!

 

 

 

 

L’esperienza è il miglioramento dell’apprendimento motorio! 😀

In ogni campo  che si consideri, la bravura motoria nell’esecuzione di un atto dipende dall’esperienza di chi lo esegue.

Come facciamo noi chirurghi a praticare la chirurgia, senza un adeguato allenamento? 🤨

Il guaio è, come facciamo allenamento? 🧐

 Leggi di più  

 

 

 

   La prima visita dei casi full arch!

 

 

 

 

In un mare di informazioni i pesci nuotano meglio in branco !

Lunedì mattina la segretaria ti dice:

dottore è strano ma hanno chiamato tre pazienti tutti con la stesse pretese? 🤷🏼‍♀️

pensavo fosse la stessa persona che per sbaglio aveva chiamato tre volte ! 

Leggi di più.

 

 

 

 

 

 

 

CHIRURGIA

Marketing

   Marketing clinico: prima l’uovo o la gallina?

Un dilemma che mi affligge da parecchio è: chi ha scritto le leggi del marketing?

era una mente brillante, stratega del del mercato o era un brillante clinico che ha solo tradotto nel mercato le sue intuizioni?

 Nel nostro campo vale quanto quello: è nato prima l’uovo o la gallina 

      Noi clinici, siamo l’uovo che produce o la gallina da spennare del  marketing

                                                                 

                                                                              Leggi di più.

 

 

 

  Se fossimo noi i pazienti?

Avete mai preso un appuntamento con voi stessi?
Avete mai aspettato nella vostra sala d’attesa che arrivasse il vostro turno?
Avete mai provato a chiedere un informazione, o a comunicare che avevate paura ad una vostra assistente?

  Leggi di più.

 

 

                                                                     Quando assumi qualcuno! 

Quando dobbiamo assumere qualcuno non sempre abbiamo la fortuna di trovare una persona che sappia già cosa fare, diciamo che non succede quasi mai…

   Leggi di più !

 

 

 


Formare e formarsi con la propria equipe, è il primo passo verso un marketing di successo.

 

Osservando dall’interno il lavoro dell’odontoiatra, dall’ apertura dello studio  alla gestione dello stesso, mi sono resa conto dell’importanza della  sua formazione extraclinica. In quanto, questa professione, non è più il mero esercizio della clinica, ma è ormai una vera e propria gestione aziendale, che oltre all’aspetto puramente clinico del paziente deve districarsi fra oneri burocratici, strutturali, amministrativi, e gestionali.

Leggi di più.

 

 

 

 

Il sito internet, un biglietto da visita digitale, o una fonte di comunicazione utile?

 

In poche parole, il web è un mare di informazioni, dove perdere la rotta è facile, per questo  decidere di proporsi deve essere una scelta consapevole ma sopratutto deve far si che il proprio sito  diventi una presenza e non uno sbiadito biglietto da visita.

Leggi di più. 

 

 

 

 

Il passaggio è fondamentale: da studio ad azienda.

 

Lavoro: Occupazione specifica che prevede una retribuzione ed è fonte di sontentamento …  nessuno di noi penserebbe di iniziare un’attività senza tenere ben presente questa definizione, si lavora per produrre un guadagno economico che ci permetta di stabilire un tenore di vita e di poter investire; in poche parole che ci consenta di entrare a far parte del ciclo economico della società di cui facciamo parte. Per poter valutare in modo corretto ed efficace il nostro operato lavorativo c’è bisogno di imparare o re-imparare a fare i conti, creando uno schema di entrate ed uscite utili che ci permetterà di tenere sempre sotto controllo il nostro margine di guadagno, e quindi valutare il nostro tenore di vita.

Leggi di più.

 

Pianificazione ottimale in chirurgia guidata: impianto singolo mandibolare.

Pianificazione ottimale in chirurgia guidata: soluzione al dubbio diagnostico e riduzione del rischio chirurgico.Flusso digitale in live surgery dalla guida chirurgica alla consegna chairside di elemento singolo protesico su impianto.

 

Premesse

I software di pianificazione chirurgica, rappresentano l’evidenza più attuale in tema di evoluzione tecnologica applicata al nostro settore. L’utilizzo degli stessi, consente al clinico in tutte le fasi, di condurre interventi con riduzione dei rischi permettendo alla parte tecnica, di realizzare protesi su misura come un abito sartoriale. Attraverso una pianificazione attenta e specifica, adattata al singolo caso, con un approccio protesicamente guidato, sarà possibile risolvere tutte le problematiche, giungere all’intervento in maniera serena e donare al paziente i vantaggi indiscussi delle nostre terapie.
Finalità Miglioramento della pianificazione chirurgica, dalla diagnostica iniziale alla fase operativa finale, chirurgia guidata mediata dai software Simplant e Blu Sky Bio.

Finalità:

Miglioramento della pianificazione chirurgica, dalla diagnostica iniziale alla fase operativa finale, chirurgia guidata mediata dai software Simplant e Blu Sky Bio.

Descrizione del corso:

9:00 Presentazione del service guided Biotec Idiagnosi.
10:00.Il piano di trattamento razionale; un utile approccio decisionale.
Il protocollo in chirurgia guidata mediante sofware Simplant, Blu Sky.
11:00 CoffeBreak
Flusso digitale in live surgery dalla guida chirurgica alla consegna chairside di elemento singolo protesico su impianto.
13.30 break lunch.
14:00 corso satellite di preparazione all’utilizzo del software su un proprio caso clinico.

Clicca per visualizzare in anteprima i dettagli del caso associato al corso.

Impianto singolo mandibolare.

 

 

 

 

Private: Biotech idiagnosi Guided Service.

 

Schermata 2018-02-17 alle 18.30.54I software di pianificazione chirurgica, rappresentano l’evidenza più attuale in tema di evoluzione tecnologica applicata al nostro settore. L’utilizzo degli stessi, consente al clinico in tutte le fasi, di condurre interventi con riduzione dei rischi permettendo alla parte tecnica, di realizzare protesi su misura come un abito sartoriale. Attraverso una pianificazione attenta e specifica, adattata al singolo caso, con un approccio protesicamente guidato, sarà possibile risolvere tutte le problematiche, giungere all’intervento in maniera serena e donare al paziente i vantaggi indiscussi delle nostre terapie.

Biotech iDiagnosi Guided Service è un esclusivo servizio promosso dalla Biotech Italia, che permette con pochi click del mouse e senza grossi investimenti di ottenere una pianificazione chirurgica implantare 3D del vostro caso clinico.

Sfruttando il Guided Service, sarete in grado di ottenere; dalle immagini Dicom e una pianificazione virtuale implantoprotesica di immagini 2D e 3D del caso clinico.
Il piano di trattamento virtuale, visualizzato preliminarmente potrà essere, approvato per la richiesta delle sole immagini diagnostiche e/o richiedere una guida chirurgica implantare.

“Biotech iDiagnosi Guided Service” permetterà la pianificazione di qualsiasi caso, dalla rigenerativa pre implantare al singolo impianto, fino all’implantologia a carico immediato full arch.

Non sarà necessario istallare il software e investire tempo nell’utilizzo dello stesso.
Il servizio provvederà a tutti gli step, dalla pianificazione alla fase chirurgica.
Verranno fornite le immagini del caso, facilitando la comunicazione con il paziente e la possibilità di utilizzare in comodato d’uso i kit chirurgici per l’implantologia guidata.

La pianificazione ottimale della fase diagnostica, permetterà di svolgere la propria professione con maggiore sicurezza e senza stress, riducendo i tempi e i rischi chirurgici per una odontoiatria d’eccellenza.

Per l’adesione al servizio si consiglia l’iscrizione allo study club ” Biotech-iDiagnosi” . E di frequentare almeno un corso di orientamento alla tecnica.
L’iscrizione allo study club avrà durata annuale, con la possibilità di poter partecipare gratuitamente ad una prossima live surgery ed agli incontri previsti dal gruppo, i partecipanti riceveranno un voucher per una pianificazione chirurgica implantare Biotech.

Costi e  tipologie dei servizi.

 

Stampa 3D guida chirurgica da file STL 60,00

Scansione 3D modello in gesso 10,00

Importazione su software implantare (Blue Sky Bio- materialise) di file STL e DICOM con accoppiamento 25,00
Pianificazione implantare mediante software (Blue Sky Bio – Materialise) da 1 a 3 impianti € 150
Pianificazione implantare mediante software (Blue Sky Bio- Materialise) da 3 o piu impianti € 250
Pianificazione implantare con rigenerativa € 200

1 realizzazione modellino stereolitografico 3D mascella superiore (monocolore) da file DICOM 150,00

Modello 3D trasparente arcata completa (con eventuale canale mandibolare evidenziato in rosso) 220.00
realizzazione digitale stampa dima chirurgica fino a 3 impianti 150,00
realizzazione digitale stampa dima chirurgica da 3 o piu impianti 250,00
Servizio my team di supporto e coaching ( contattare la segreteria organizzativa.)
NB: I prezzi si intendono iva esclusa.
NB: Le spese di spedizione sono escluse

Valutazione densiometrica prechirurgica dei siti implantari

Dr. Francesco Barbarulo

Dr. Roberto Barbarulo

Dr. Carmelo Maida

Dr. Vincenzo Carbone

 

Premessa
Negli ultimi anni gli strumenti informatici, dopo avere rivoluzionato tutti gli ambiti della vita quotidiana, non potevano certo risparmiare il settore della chirurgia.
Fino a una decina di anni fa, i principali strumenti diagnostici a disposizione degli odontoiatri erano semplici immagini bidimensionali, quali le radiografie endorali e le ortopantomografie, ma i dati forniti da questi esami non erano sufficienti in quanto ottenuti con mezzi tecnologici inadeguati, proiezioni non corrette e difetti di esposizione che potevano generare errori nella valutazione della situazione clinica.
L’avvento della Tomografia Computerizzata e dei successivi software di pianificazione prechirurgica hanno segnato un fondamentale passo avanti nell’indagine diagnostica odontoiatrica, offrendo strumenti rivoluzionari al clinico: in primo luogo hanno colmato la mancanza di informazioni delle immagini bidimensionali tra le quali il medico “navigava” alla ricerca delle risposte di cui aveva bisogno. Il passaggio al tridimensionale ha dato al medico la possibilità di visualizzare le strutture esattamente come nella realtà: in 3D, appunto.
La possibilità di ottenere delle ricostruzioni su più piani conferisce un’effettiva tridimensionalità ai dati acquisiti, permettendo misurazioni precise e la definizione dei rapporti tra la parte ossea di interesse e le importanti strutture anatomiche adiacenti.
Tutto ciò si traduce in una più attenta e precisa programmazione del tipo di intervento ed in una previsione della sua evoluzione.
Poter promettere il risultato finale di un trattamento è rassicurante per il paziente e aiuta ad eliminare eventuali false aspettative che possono tradursi in un senso d’insoddisfazione.
Questo studio si concentra sulle possibilità dell’operatore di definire le caratterizzazioni anatomiche dei siti implantari in pazienti edentuli, al fine di riuscire ad ottenere una predicibilità su qualità e quantità ossea del sito implantare e determinare quindi la migliore possibilità terapeutica mediante la pianificazione preoperatoria.
Partendo dal presupposto che per la corretta pianificazione di un intervento di chirurgia orale o di implantologia ci si deve basare sul maggior numero possibile di informazioni riguardanti la morfologia, le dimensioni e la qualità dell’osso, si vuole dimostrare come, mediante l’utilizzo di specifiche applicazioni dei software di pianificazione tridimensionale, sia possibile riuscire a determinare i siti implantari non solo mediante un riscontro visivo delle strutture anatomiche adiacenti, ma anche e soprattutto attraverso una caratterizzazione di tipo qualitativo dell’osso che accoglierà la fixture, arrivando quindi ad ipotizzare le diverse  opportunità terapeutiche e anche ad anticipare quelle che saranno le tecniche chirurgiche sito-specifiche, al fine di evitare imprevisti riscontrabili al momento dell’esecuzione dell’intervento: obiettivo che il gruppo iDiagnosi pone come principale.

Stato del sito implantare
E’ stato dimostrato che la qualità e la quantità di osso disponibile nel sito implantare rappresentano fattori locali del paziente molto importanti nel determinare il successo degli impianti dentali (Drage et al. 2007; Lindh et al 2004).
Il tasso di successo ottenuto con gli impianti dentali dipende in larga misura dal volume e dalla qualità dell’osso circostante. Pertanto è importante conoscere  i parametri di quantità, qualità e densità dell’osso dei mascellari al momento della pianificazione, tenendo in considerazione quelli che sono gli eventi degenerativi a cui sono sottoposte queste sedi anatomiche.
Quantità ossea e riassorbimenti
Con la perdita dei denti la funzione masticatoria diminuisce e iniziano i processi di riassorbimento dell’osso alveolare.
Numerosi autori hanno cercato di classificare i riassorbimenti ossei spesso differenti fra loro per piccole differenze, ma la classificazione a cui quasi tutti i lavori scientifici fanno riferimento, e sicuramente la più nota, è quella di Cawood e Howell (1988) che divide i quadri di riferimento in sei classi sulla base della forma residua della mascella durante tutte le fasi di atrofia della cresta alveolare, ognuna delle quali denota una forma caratteristica:
Classe I: cresta dentata
Classe II: cresta alveolare postestrattiva immediata
Classe III: processo alveolare arrotondato con adeguata quantità ossea in altezza e     in spessore.
Classe IV: Cresta a lama di coltello con adeguata quantità ossea in altezza ma non in     spessore
Classe V: Riassorbimento imponente: la quantità ossea è inadeguata in altezza e in     spessore
Classe VI: Zone crestali depresse con riassorbimento delle basi ossee più o meno     evidenti senza avere la prevedibilità di come potrà evolvere.

 

Qualità ossea
Il termine qualità dell’osso è comunemente usato nei trattamenti implantari e nelle relazioni di successo e fallimento di un impianto data la sua importanza sia nel determinare il contatto fra osso e impianto, sia nello stabilizzare lo stesso.
La qualità dell’osso è suddivisa in quattro gruppi (Bone Quality Index-BQI) in base alla struttura e alle proporzioni tra tessuto osseo compatto e trabecolare, così come proposto da Lekhorm e Zarb nel 1985:
Tipo I: osso molto compatto;
Tipo II: osso corticale compatto e osso trabecolare denso;
Tipo III: osso corticale minore e abbondanza di osso trabecolare;
Tipo IV: osso corticale molto sottile e osso trabecolare poco denso.

    Tipo I                    Tipo II                      Tipo III                         Tipo IV

 

Densità ossea
Misch (2008) definì i diversi quadri di densità ossea dividendoli in quattro classi con differenze a livello macroscopico di osso corticale e trabecolare:
D1: Osso corticale compatto
D2: Osso corticale poroso, osso spugnoso e trabecolatura densa
D3: Osso corticale poroso, osso spugnoso e trabecolatura lassa
D4: Osso spugnoso a trabecolatura lassa

L’osso più compatto favorisce la stabilità primaria e quindi l’osteointegrazione, ottenibile quando la porzione marginale o apicale del sito contiene una quantità sufficiente di osso compatto e/o quando l’osso spugnoso o trabecolare contribuisce con un numero sufficiente di trabecole. Un impianto collocato nell’osso lamellare mostra una percentuale di contatto osso-impianto che raggiunge anche il 90%, tale percentuale può scendere fino al 50% se l’impianto è posizionato in osso midollare

Densità minerale ossea (BMD)
Lindh et al. (2004) hanno dimostrato che la densità ossea (BMD bone mineral density) e la qualità non sono sinonimi. La qualità dell’osso comprende fattori diversi dalla densità ossea, quali le dimensioni dello scheletro, l’architettura e l’orientamento tridimensionale delle trabecole, e le proprietà della matrice. Non è solo una questione di contenuto minerale, ma anche di struttura; allo stesso tempo è difficile ottenere l’ancoraggio dell’impianto nell’osso che non è molto denso. Densità ossea e volume sufficienti sono quindi fattori cruciali per garantire il successo implantare (Lekholm & Zarb, 1985).

STUDIO DEL SITO IMPLANTARE
La valutazione del volume osseo (quantità) non ha mai rappresentato un problema per l’odontoiatra, poichè questo parametro è sempre stato valutabile in modo diretto sia all’esame “intraorale” che mediante lo studio di OPT e TC.
Per ciò che concerne lo studio di qualità e densità invece, le tecniche e gli strumenti a disposizione risultano o troppo complessi e di non facile applicazione clinica (si pensi alla DEXA) o addirittura troppo semplicistici e poco significativi (MCI: indice corticale mandibolare; MI: indice mentale; PMI: indice mandibolare da panoramica).

   

Inoltre nella maggior parte degli studi passati riguardanti le caratterizzazioni ossee, sono state effettuate principalmente valutazioni del tessuto osseo in toto, mentre  sono state ignorate sia le valutazioni sito-specifiche, sia le differenze tra le aree compatte e trabecolari del tessuto mandibolare.
Per questi motivi l’odontoiatra per anni ha sottovalutato il parametro “Densità” affidandosi semplicemente alla sensazione tattile intraoperatoria data dalla resistenza al fresaggio, sensibilità che viene in parte ridotta o annullata nel caso si utilizzi una dima guida, per il contatto tra fresa e cilindri guida.
E’ risaputo che vi siano delle differenze loco-regionali riguardanti le caratteristiche dell’osso e a conferma di ciò diversi studi (Lindh et al., 2004) hanno sottolineato la presenza di grosse differenze qualitative ed ampie variazioni tra i valori BMD delle diverse regioni del mascellare superiore e inferiore sottolineando l’importanza delle misurazioni sito-specifiche prima del posizionamento dell’impianto.

La tomografia computerizzata
Un grande passo tecnologico nello sviluppo di immagini diagnostiche più significative è rappresentato dall’avvento della TC che, per mezzo dell’elevata risoluzione di contrasto, permette la distinzione di tessuti caratterizzati da  differenze di densità fisica inferiori all’1%; (la radiografia convenzionale richiede una differenza del 10% della densità fisica per distinguere tessuti diversi); ciò consente una precisa caratterizzazione dei tessuti punto per punto.


Il singolo elemento dell’immagine TC è chiamato Voxel, ed è definito da un valore in unità Hounsfield (HU) che descrive la densità delle immagini TC in quel punto. Le unità HU, note anche come numeri TC, possono  assumere valori in un range da -1000 (aria) a 3000 (smalto) legati alla differenza relativa del coefficiente lineare di attenuazione del fascio rispetto all’acqua (Benson & Shetty, 2009; Frederiksen, 2009; Resnik et al, 2008).

La densità delle strutture all’interno dell’immagine è assoluta e quantitativa, può essere quindi utilizzata per differenziare i tessuti nella regione analizzata:
muscolo, 35-70 HU,
tessuto fibroso, 60-90 HU,
cartilagine, HU 80-130;
osso 150-1800 HU)
La possibilità di utilizzare valori assoluti nell’identificare i diversi tessuti, ha reso possibile un’ulteriore differenziazione in grado di caratterizzare le differenti tipologie di qualità ossea mediante la determinazione di una scala valori rapportata alla classificazione delle densità ossee di Misch(2008):
D1: >1250 HU    D2: 750-1250 HU       D3: 375-750 HU          D4:<375 HU

In uno studio, (Katsumata et al., 2007), gli autori hanno stabilito che gli HU calcolati su una scansione CBCT varia ampiamente in una gamma da -1500 a oltre 3000 HU per diversi tipi di ossa, mentre per la TC, come già visto, il range di riferimento è -1000/3000 HU. Tuttavia, dopo una correzione applicata ai livelli di grigio nella CBCT, i valori HU sono risultati molto simili a quelli definiti dalla TC.
Gli autori dei precedenti studi avevano notato l’importanza di creare uno strumento per la misurazione oggettiva del tessuto osseo, cosicchè  gli operatori potessero determinare più facilmente la migliore opzione terapeutica (Ericsson et al., 2002).
La tomografia computerizzata rappresenta l’unico metodo per studiare separatamente le componenti del tessuto osseo trabecolare e compatto (Lindh et al., 2004); con essa è possibile misurare la densità ossea e può essere stimato il suo effetto sulla sopravvivenza della protesi.
Fino ad oggi, non vi era alcun sistema standard in grado di attribuire ai livelli di grigio valori che rappresentino la qualità oggettiva dei siti implantari.
L’importanza che sta assumendo negli ultimi anni la cultura dell’estetica e la crescente richiesta dei pazienti di tecniche riabilitative veloci e poco invasive, ha portato ad una rapida evoluzione delle tecniche di carico immediato.
Le case produttrici, seguendo il mercato, hanno concentrato la maggior parte dei propri studi sulla possibilità di sviluppare tipologie di materiali e protocolli terapeutici in grado di garantire una considerevole stabilità primaria degli impianti nelle diverse situazioni, rendendo possibile ciò che fino a qualche tempo fa era impensabile: semplificare la procedura chirurgica e dare al paziente una riabilitazione implanto-protesica nell’arco di una sola giornata, riducendo notevolmente il disagio post-operatorio.
SOFTWARE DI PIANIFICAZIONE E IMAGING 3D

La diffusione delle diverse tecniche di tomografia computerizzata sta di conseguenza espandendo l’uso di software per la diagnostica ed il trattamento, infatti non rappresentano solo uno strumento di diagnosi, ma facilitano l’operatore nella chirurgia guidata sulla base delle immagini che i recenti software riescono ad elaborare dai database di TC e CBCT.

Sul mercato sono disponibili software che permettono di fabbricare modelli chirurgici per facilitare il posizionamento virtuale degli impianti, per creare dime chirurgiche e anche per la completa progettazione assistita da computer e la fabbricazione di protesi implantari. L’utilizzo di questi programmi permette di “provare” diversi materiali e selezionare il più adeguato in base a caratteristiche e dimensioni. Inoltre l’impianto inserito può essere valutato da diversi punti di vista, come anche la vista tridimensionale.

È da sottolineare come l’approccio implantare computer guidato sia un’ulteriore freccia all’arco dell’implantologo, ma che a volte solo l’approccio visivo diretto è in grado di dare conforto ad un’ipotesi diagnostica, rendendo necessario comunque lo scollamento del lembo.

In questo studio, il gruppo iDiagnosi ha sfruttato le potenzialità che questi software ci offrono nella pianificazione prechirurgica e nello specifico la possibilità di determinare i valori di densità ossea nelle zone perimplantari, ovvero riuscire finalmente a determinare una caratterizzazione oggettiva sito-specifica dell’area destinata ad accogliere la fixture, obiettivo che Ericsson riteneva necessario per determinare la migliore opzione terapeutica.
Sulla base di questa sua affermazione, l’acquisizione dei valori HU sito specifici (punto per punto) ci ha permesso di determinare il valore di densità medio perimplantare e quindi il tipo di osso di ogni area.
Ogni valore osseo è stato utilizzato come punto di partenza per definire il tipo di impianto che meglio si addiceva a ciascun sito (tenendo in considerazione anche la quantità ossea), quindi è stato definito il tipo di fresaggio da effettuare prendendo in esame il protocollo che la casa madre suggerisce per ogni singolo impianto scelto sul tipo di osso determinato.

E’ stato quindi possibile prevedere il tipo di preparazione chirurgica che verrà effettuata per l’inserimento di ogni singolo impianto, così da ottenere già durante la fase di pianificazione un quadro più completo del caso che si traduce in una miglior programmazione, in un abbassamento dei rischi potenziali ed in una maggior predicibilità dei risultati.

Sono  stati considerati per questo studio 39 siti implantari (18 mascellari e 21 mandibolari) in pazienti totalmente edentuli.
La sequenza di eventi che ha portato alla finalizzazione dei casi ha seguito un piano terapeutico razionale, che parte dall’esame del paziente fino alla produzione dei manufatti definitivi, attraverso una serie di steps ben precisi:
Esame del paziente
Programmazione protesica
TC scan: sono state eseguite per ciascuna arcata una coppia di scansioni
Pianificazione virtuale: E’ stato possibile raccogliere dati riguardo ogni singolo sito implantare mediante l’acquisizione dei valori HU nelle regioni perimplantare e apicale.
Fase chirurgica: sono stati quindi preparati i siti implantari ed è stata effettuata una raccolta dati riguardanti la resistenza offerta al fresaggio da parte della compagine ossea, determinando quindi il tipo di osso presente, ed il tipo di preparazione effettuata, registrando eventuali sottopreparazioni, osteotomie e maschiature.
Protesizzazione

 

ELABORAZIONE DEI DATI RACCOLTI
Ad ogni sito implantare analizzato è stato assegnato un numero ordinale di identificazione, in base al quale è stato possibile eseguire una raccolta ordinata di dati specifica per ogni sito.
Sulla base di questa numerazione sono state create due tabelle, una riguardante i siti mascellari e l’altra i mandibolari, completate definendo per ogni sito i seguenti parametri:
HU: i dati relativi alle misurazioni dei valori HU nei siti implantari a livello apicale e perimplantare sono stati elaborati determinando un unico valore medio HU, rappresentante quindi la densità ossea media sito specifica;
Osso corrispondente: sulla base della scala valori Hounsfield associata alla classificazione delle densità ossee di Misch, per ogni valore HU elaborato è stato assegnata la corrispondente classe di densità (D1, >1250 HU; D2, 750-1250 HU; D3, 375-750 HU; D4, <375 HU);
Tecnica di preparazione del sito prevista: al momento della pianificazione 3D sono stati definite le tecniche di preparazione del sito implantare, in rapporto al tipo di impianto selezionato, ed inserite in tabella come segue:

  • Standard (STD): tecnica di preparazione standard che prevede l’utilizzo in successione di un mucotomo e delle frese a spirale in successione;
  • Sottopreparazione (SOT): utilizzo della penultima fresa a spirale prevista per la preparazione standard;
  • Sovrapreparazione (SOV): utilizzo della fresa successiva all’ultima prevista per la preparazione standard;
  • Maschiatura (MAS): utilizzo di un maschiatore dello stesso diametro dell’impianto per la formazione di spire all’interno del tessuto osseo utili ad agevolare l’inserimento dell’impianto evitando eccessive forze di compressione;
  • Osteotomia (OST): utilizzo di osteotomi per la compattazione ossea all’interno del sito implantare.

– Impianto previsto: viene indicato il tipo di impianto che si è deciso di utizzare al momento della pianificazione, indicando se di forma cilindrica (C) o se cilindro-conica (C-C);
Osso determinato manualmente: al momento dell’intervento è stato determinato il tipo di osso presente a livello del sito implantare mediante una valutazione manuale della resistenza al fresaggio offerta dalla compagine ossea dopo la perforazione della corticale;
– Tecnica di preparazione del sito effettuata: indica il tipo di tecnica con cui è stato preparato il sito implantare, eseguita sulla base della caratteristiche ossee rilevate durante il fresaggio.
Sulla base di questi dati la tabelle sono state completate come segue:

Impianti mascellari

 

Impianti mandibolari

RISULTATI
La raccolta dei dati in analisi è stata mirata verso determinate osservazioni con l’intento di mettere a confronto le informazioni terapeutiche che l’operatore è in grado di apprendere mediante la valutazione dei siti implantari, sia al momento dell’intervento, sia mediante lo studio dei modelli tridimensionali utilizzando i software applicativi proposti dai sistemi di pianificazione 3D.

E’ stato così possibile caratterizzare lo stato del sito implantare, definire la qualità ossea presente e infine determinare la miglior scelta terapeutica sulla base di due valutazioni, quella manuale e quella software guidata.

Da una prima analisi dei dati possiamo subito notare che le informazioni raccolte al momento dell’intervento definiscono una valutazione SOGGETTIVA da parte dell’operatore, non sono quindi dati precisi ma si basano semplicemente sulla sensibilità e sull’esperienza del clinico; cosa ben diversa accade invece con i software di ultima generazione, grazie ai quali è possibile caratterizzare OGGETTIVAMENTE le qualità ossee sito-specifiche e determinarne la classe di appartenenza precisa di ogni sito.
C’è da aggiungere però, che la valutazione manuale è quella che finora ha guidato l’operatore nella scelta terapeutica ed ha permesso l’adattamento dell’intervento alle condizioni ossee presenti, sulla possibilità di utilizzare diverse tecniche preparatorie e diversi materiali.
Confrontando quindi le informazioni desunte dai due tipi di apprendimento, siamo riusciti a determinare la possibilità di predire il tipo di intervento da effettuare, in tutte le sue caratteristiche tecniche, semplicemente valutando le informazioni che il software riesce a fornire su uno schermo.
E’ stato constatato che il 100% dei casi pianificati mediante software ha avuto un riscontro positivo al confronto con la qualità ossea e la tecnica utilizzata determinate al momento dell’intervento, garantendo inoltre una precisione di informazioni nettamente superiore: la valutazione manuale della qualità ossea è pur sempre un dato soggettivo, mentre lo studio effettuato mediante la valutazione dei valori HU garantisce la valutazione oggettiva dell’osso sul quale si lavora, obiettivo che i clinici rincorrono da tempo mediante lo studio delle immagini di tomografia computerizzata.

 Lo studio dei singoli siti implantari mediante una caratterizzazione di tipo OGGETTIVO è uno dei pilastri del PROTOCOLLO RAZIONALE iDiagnosi, poichè solo una precisa conoscenza dei singoli siti permette una giusta valutazione dei rischi ad esso collegati, di conseguenza la migliore scelta terapeutica e la consapevolezza di eventuali modifiche del piano di trattamento nella fase operativa.

©iDiagnosi

 

Bibliografia

Misch C.,E. (2008). Density of Bone: Effects on surgical approach and healing, In: Contemporary Implant Dentistry, C.E. Misch (ed), pp. 645-667, Mosby, Elsevier, ISBN 978-0-323-04373-1, Canada.
Ericsson, I., Nilner, K. (2002). Early functional loading using Branemark dental implants. J Periodont Restor Dent, 22, 9-19.

Lekholm U, Zarb G.A, (1985). Patient selection and preparation. In: Branemark PI, Zarb GA, Albrektsson T, editors. Tissue-integrated prostheses: osseointegration in clinical dentistry. pp. 199-209, Chicago: Quintessence.
Drage NA, Palmer RM, Blake G, Wilson R, Crane F, Fogelman I. (2007). A comparison of bone mineral density in the spine, hip and jaws of edentulous subjects. Clin Oral Impl Res, 18, 496-500.

Lindh C, Obrant K, Petersson A. (2004). Maxillary bone mineral density and its relationship to the bone mineral density of the lumbar spine and hip. Oral Surg Oral Med Oral Pathol Oral Radiol Endod, 98, 102-109.
Cawood J.I., Howell H.A. – A classification of the edentulous jaws, in int J Oral Maxillofac Surg, 1988, 17:232-6

Frederiksen, N., L. (2009). Advanced Imaging, In: Oral Radiology Principles and Interpretation, S.C. White & M. J. Pharoah, pp. 207-224, Mosby, Elsevier, ISBN 978-0-323-04983-2, St. Louis, Missouri.
Benson, B.W. & Shetty, V (2009). Dental Implants, In: Oral Radiology Principles and Interpretation, S.C. White & M. J. Pharoah, pp. 597-612, Mosby, Elsevier, ISBN 978-0- 323-04983-2, St. Louis, Missouri.

Resnik, R.R., Kircos, L. and Misch C.,E. (2008). Diagnostic Imaging and Techniques, In: Contemporary Implant Dentistry, C.E. Misch (ed), pp. 38-67, Mosby, Elsevier, ISBN 978-0-323-04373-1, Canada.

Katsumata, A., Hirukawa, A., Okumura, S., Naitoh, M., Fujishita, M., Ariji, E., et al. (2007). Effects of image artifacts on gray-value density in limited-volume-cone-beam Computerized tomography. Oral Surg Oral Med Oral Pathol Oral Radiol Endod, 104, 829-36.
Ericsson, I., Nilner, K. (2002). Early functional loading using Branemark dental implants. J Periodont Restor Dent, 22, 9-19.

Tecnologia

Nell’epoca delle “comunicazioni multimediali” ci ritroviamo nel bel mezzo della continua corsa all’acquisto dell’ultimo ritrovato tecnologico, che porta ognuno di noi a circondarsi di apparecchiature e device elettronici all’ultimo grido.
Oggi per ogni esigenza sembra esserci un’applicazione pronta a semplificarci la vita, e allora perchè non provare a semplificare il nostro lavoro?
Questo corso si propone di mostrare come integrare nel proprio mondo lavorativo i device in nostro possesso al fine di migliorare e semplificare la professione odontoiatrica, in particolar modo nella fase di comunicazione con il paziente.
Obiettivi del corso:
-Conoscere gli attuali device per ottimizzare la fase clinico-diagnostica
-Come integrare i propri device nella gestione dello studio
-Comprendere l’iportanza delle immagini e la loro gestione
-L’utilizzo delle applicazioni nella comunicazione col paziente
-Migliorare la fase esplicativa dei piani di trattamento mediante l’utilizzo delle immagini

Corso in fase di programmazione
iDiagnosi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Study club idiagnosi ortodonzia calendario 2018.

iDiagnosi Study Club Ortodonzia: procedure e tecniche di ultima generazione in office.

           

Introduzione 

iDiagnosi Study Club Ortodonzia nasce come progetto di formazione clinica ortodontica, attraverso il concetto di “peer review” ovvero il confronto fra colleghi.

La condivisione della fase diagnostica darà la possibilità di crescere professionalmente e di arricchirsi, confrontandosi sugli aspetti clinici e sulle novità presenti nel campo ortodotico.

Lo study club sarà organizzato in incontri bimestrali, nei quali i colleghi interessati potranno assistere, grazie all’ausilio della video-proiezione a procedure cliniche effettuate su paziente in office.

Gli incontri saranno gestiti, quindi, come delle vere e proprie giornate di studio, dall’aspetto informale e con il tema della condivisione, durante i quali il gruppo discuterà dei propri casi clinici, al fine di perfezionare la fase diagnostica e la scelta di un protocollo operativo razionale.

Programma: 2018

1.   – Diagnosi e pianificazione ortodontica: il piano di trattamento razionale applicato  all’analisi logica dei casi. Scelte terapeutiche secondo un approccio total face.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Private: INGNEGNERIA

 

Siamo attivi nel campo della Progettazione degli Impianti Elettrici, Elettronici e Speciali, nell’ambito della Sicurezza  e del Risparmio Energetico. A ciò si affiancano i servizi offerti a supporto della progettazione quali Direzione Lavori, Project Management, Gestione della Manutenzione, Collaudi e Consulenze Tecniche.

Ci prefiggiamo l’obiettivo di fornire un supporto ingegneristico evoluto affrontando la progettazione tecnologica con l’ausilio di tutti i servizi globali in ottemperanza alla soddisfazione delle esigenze del cliente. Siamo in grado di realizzare l’intervento progettuale in tutte le sue diverse fasi, dall’analisi dei requisiti, alla realizzazione del disegno fino alla consegna finale, adottando i più elevati standard di qualità ed utilizzando sistemi informatici all’avanguardia.

Lo studio vanta un know-how tecnico specialistico nei vari settori della progettazione impiantistica generale. In particolare le opere riguardano impianti complessi di tipo elettrico, termofluidico e speciale e vengono realizzate ponendo una particolare attenzione a quelle che sono le innovazioni tecnologiche di settore, per garantire la massima efficienza d’esercizio ed una agevole ed economica manutenzione post-collaudo.

Di seguito vengono elencati i settori d’intervento.

Termofluidico

■ Climatizzazione e ventilazione

■ Idrico sanitari

■ Depurazione e fognari

Elettrotecnico

■ Forza motrice

■ Quadri elettrici

■ Illuminazione

■ Tecnologici

Elettronico

■ Sistemi di Automazione, Gestione e Processo

■ Rete Fonia-Dati

■ Audioallarme

■ Antintrusione

■ Controllo Accessi

■ Videosorveglianza

■ Sicurezza

■ Prevenzione  Incendi

■ TV

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Pianificazione e ristrutturazione eccellente per attività odontoiatrica.

 

Un idea di lavoro nasce da un sogno… lavorare in quel sogno rende gli sforzi di una vita più leciti, trasformando il lavoro quotidiano in un piacevole trascorrere tra le proprie capacità.

Prima                                                Dopo

 

L’articolo che descriveremo in seguito, è la descrizione delle fasi di ristrutturazione a cui è stato applicato il nostro piano di trattamento razionale in fase di ideazione. Le scelte affrontate sono state prese in relazione alla legge (Delibera della Giunta Regionale n.7301/01 pubblicata sul BURC dell’ 11/01/2002), la quale, regola la richiesta di autorizzazione in ambito sanitario. Ci auguriamo di poter condividere con voi le nostre scelte, con la speranza che possano dare spunto e soluzione ai vostri dubbi in analoghe condizioni.

Ogni squadra di qualsivoglia sport, ha bisogno di un terreno da gioco efficente, di adeguati spazi, per poter dare il meglio, ovvero esprimere le proprie potenzialità in maniera ottimale. Creare degli ambienti congrui allo svolgimento delle proprie attività, credo che rappresenti un’aspirazione importante in tema di lavoro, sopra tutto per il nostro, un attività specialistica, o forse meglio dire speciale, nella quale giocano un ruolo fondamentale non solo la squadra ma anche gli ambienti. I locali di lavoro oltre a rendere possibile la nostra attività, sono parte integrante di essa, non rappresentano solo il contenitore di noi stessi, ci condizionano, influenzando tra l’altro l rapporto con il personale e i pazienti. La ristrutturazione dei locali è stata affidata all’azienda P.M. costruzioni , ma numerose sono state le partecipazioni per la ristrutturazione.

L’azienda Pm costruzioni è un’ azienda fondata dall’imprenditore Michele Piantadosi, nata inizialmente nel settore dell’edilizia civile, si è distinta negli anni Nell’edilizia e ristrutturazione del campo sanitario. Così come spiega il suo fondatore: la capacità di saper coniugare l’estetica e le soluzioni del settore edilizio alle disparate leggi e regolamenti del regime autorizzativo delle strutture sanitarie è un compito arduo e complesso. Il nostro impegno è stato rivolto alla risoluzione delle difficoltà tecniche legate agli obblighi legislativi, per giungere ad un risultato tecnico ingegneristico architettonico finale ottimale, rispettoso del flusso di lavoro. Come in ogni progetto importante che si rispetti, la fase preliminare, doveva essere più che accurata, per cui, come per una diagnosi e programmazione chirurgica, è stato applicato il nostro piano di trattamento razionale,( con le dovute differenze) attraverso il quale abbiamo potuto scegliere tra diverse ipotesi in tutte le fasi di lavoro,( architettoniche, ingegneristiche, etc), e così sciogliere i dubbi legati per lo più alle decisioni/indecisioni da affrontare. Ricordiamo che il piano di trattamento razionale (P.T.R.), è fondato sulla soluzione del dubbio, ovvero dell’incertezza. Attraverso una disamina dei dubbi, realizzata attraverso i punti del piano di trattamento razionale (P.T.R.), è stato quindi possibile, non solo scegliere tra le diverse ipotesi di soluzioni da affrontare, ma anche di interagire come un gruppo, con le diverse figure professionali, che durante il periodo di ristrutturazione si sono affiancate. L’articolo che descriveremo in seguito, è quindi la descrizione delle fasi di ristrutturazione a cui è stato applicato il nostro piano di trattamento razionale in fase di ideazione. Le scelte affrontate sono state prese in relazione alla legge (Delibera della Giunta Regionale n.7301/01 pubblicata sul BURC dell’ 11/01/2002), la quale, regola la richiesta di autorizzazione in ambito sanitario. Ci auguriamo di poter condividere con voi le nostre scelte, con la speranza che possano dare spunto e soluzione ai vostri dubbi in analoghe condizioni. Le norme qui raccolte sono quelle da noi conosciute al 30/09/13 (Essendo ipotizzabili modifiche o interpretazioni diversificate è opportuno verificarne la concreta attuazione presso gli organismi competenti)   Piano di trattamento razionale in origine. 1: Raccolta dei dati. 2: Studio del caso . 3: Analisi delle tecniche e dei rischi connessi. 4: L’ipotesi del piano di trattamento razionale 5: Discussione attraverso il blog. Piano di trattamento razionale adeguato alla ristrutturazione. 1: Raccolta dei dati. 2: Studio della struttura e dei materiali. 3: Analisi delle tecniche e delle possibili varianti. 4: L’ipotesi del piano di ristrutturazione con il gruppo idiagnosi. 5: Discussione attraverso il blog. 1:Raccolta dei dati. Locali di 150 mq di uso civile, al primo piano, con livello strada per l’accesso, una buona collocazione per l’abbattimento delle barriere architettoniche. La forma dei locali è sviluppata ad angolo retto, con una buona esposizione di luce in tutte le aree. Locali con distribuzione in uso prima della ristrutturazione. 2) Studio della struttura e dei materiali. Nel secondo punto del nostro ( P.T.R.) saranno prese in esame le richieste espresse in fase di ideazione alla ditta incaricata ed in particolare alle figure professionali: architetto (Claudio Passeretti) per la parte architettonica e dei materiali ed ingegneristica per lo sviluppo tecnologico degli impianti (Ing. Michele Pizzo). Un notevole contributo di mediazioni tra le parti tecniche va alla dott.essa Antonia Nappi, Psicologa Psicoterapeuta esperta in marketing e comunicazione, alla quale attribuisco l’onere di aver saputo donare alle “mura” la giusta impronta e personalità.

Architettura e Psicologia : Antonia Nappi.

Una regola fondamentale quando si ristruttura uno studio, ma anche quando semplicemente lo arrediamo, è che stiamo comunicando qualcosa di noi ai pazienti che successivamente accoglieremo nel nostro studio. Il verbo accogliere non è un caso o un vezzo linguistico, perché è quello che dovremmo iniziare a pensare di fare accogliere il paziente, metterlo al proprio agio far sì che si renda disponibile a farsi visitare, con un atteggiamento positivo ma soprattutto collaborativo. L’ambiente dello studio può aiutarci a fare tutto ciò, può abbassare i livelli di ansia, può restituire calma, può far sì che l’esperienza dal dentista diventi piacevolmente ripetibile. Oggi il connubio psicologia-architettura è sempre più presente nella mente di crea nuove strutture, in quanto la comprensione dei fondamenti della psicologia ambientale è diventato un must per chi vuole restituire un prodotto di qualità alla propria clientela. L’ambiente che ci circonda influenza il comportamento, è questo l’assunto dal quale siamo partiti quando abbiamo pensato di ristrutturare, pensate a come cambia il vostro atteggiamento nei diversi ambienti che normalmente abitate. Un esempio eclatante potrebbe essere il ristorante, se dobbiamo recarci in un agriturismo ci prepareremo con abiti comodi e poco pretenziosi, andremo con uno spirito goliardico, e durante il pranzo saremo poco preoccupati del nostro atteggiamento nei confronti degli altri commensali, se invece ci stiamo recando presso un ristorante di lusso magari un cinque stelle lo scenario di prima cambia o addirittura si ribalta dal modo di vestirci, fino al nostro atteggiamento a tavola. Proprio quest’esempio dovrebbe portarvi a pensare prima di ristrutturare a cosa volete comunicare a come vorreste che la vostra futura clientela/ pazienti si dovranno sentire una volta entrati nel vostro studio, a come poter influenzare il loro comportamento positivamente indipendentemente dai loro abituali comportamenti. Tutto questo è possibile a patto che si presti una particolare attenzione nella fase di progettazione del nostro studio, non dobbiamo semplicemente commissionare una ristrutturazione dobbiamo partecipare ad essa ricordandoci, che gli ambienti che verranno costruiti li abiteremo quotidianamente e che se studiati e pensati sull’essere umano sul nostro target paziente potremmo avere un ritorno positivo dalle mura della nostra struttura. Un esempio pratico nello studio raccontato in questo articolo, è stata la scelta di creare uno spazio dedicato a delle frasi famose sul sorriso da modificare una tantum, in prossimità dei riuniti questo per far sì che il paziente quando è seduto sul riunito possa distrarsi piacevolmente, guardando un soffitto non bianco e spoglio ma con una storia. Un altro accorgimento che abbiamo voluto creare è stato quello di non scegliere tra i materiali per i pavimenti delle sale operative il linoleum, per dare all’ambiente un aspetto più caldo e familiare, naturalmente non dimenticando che questo è un ambiente medico e che quindi doveva essere accogliente ma contemporaneamente facilmente sterilizzabile e visivamente ordinato e dall’aspetto clinico. La sala d’aspetto è stata creata per far sì che il paziente al momento dell’accesso allo studio abbia la percezione di un salotto e non di una sala d’aspetto sterile e fredda, infatti sono stati scelti dei divani al posto di semplici sedute, i muri dall’aspetto arrotondato rendono l’ambiente più accogliente, il pavimento gress porcellanato effetto legno dona all’ambiente un’area confortevole ma soprattutto di classe per far sì che il paziente si senti comodo ma che si senta anche un po’ in soggezione “il giusto compromesso fra un agriturismo e un ristorante 5 stelle”. Ristrutturare uno studio significa dare una personalità che ci rispecchi, significa creare degli spazi in base a delle esigenze precise, significa agevolare il flusso dei nostri clienti sulla base di una nostra organizzazione interna per questo la ristrutturazione va curata con un team che ci dia la possibilità di comunicare, di pensare che ci apra la mente per creare un ponte di comunicazione adeguato tra noi e i nostri futuri pazienti.   Dott.ssa Antonia Nappi. La richiesta architettonica che soddisfi il nostro fabbisogno di lavoro, prevede le seguenti aree di lavoro. Num 3 sale operatorie. Num 1 sala di sterilizzazione. Num 1 sala attesa con adeguato num. di posti a sedere. Num 1 ufficio Num 1 direzione. Num 2 servizi igienici. Di cui uno, con abbattimento di barriere architettoniche. Num 1 sala relax Num 1 sala magazzino.   Le aree operative così progettate permettono un ottima fluidità di lavoro con buon isolamento delle singole sale. La sala di sterilizzazione centrale, consente una facile gestione dei tempi di preparazione, essa è stata progettata con una doppia linea di banchi per la sterilizzazione, con aree separate per la linea sporco pulito, senza incroci. Una sala Rx centrale ed indipendente dalle sale operatorie, consentirà di ridurre i tempi di attesa della fase iniziale diagnostica. FIG. Del disegno architettonico con le nostre richieste strutturali.

 Ambienti prima e dopo:

Sala Attesa prima. Sala Attesa post. 1) Peception pre.   1) reception post bagno  attesa pre.    Bagno attesa post. Corridoio di ingresso pre corridoio di ingresso post corridoio pre corridoio dopo corridoio sale operative pre. Corridoio sale operative post. Corridoio reception pre.

IMG_0402

 

 

Corridio reception post.

 

 

2006-01-01 00.00.00-396 reception pre

IMG_0408

 

 

Reception post.

2006-01-01 00.00.00-430

vista corridoio da reception  vista corridoio sale operative da reception prima.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

vista corridoio da reception  vista corridoio sale operative da reception attuale.

 

2006-01-01 00.00.00-399

 

sterilizzazione prima dei lavori.

 

durante i lavori:

tracce per l’impianto elettrico ed idraulico

sala sterilizzazione:

2006-01-01 00.00.00-421

Sala num 1

 

 

sala 2

 

     

Ufficio direzione pre.

IMG_0065

IMG_0160

Ufficio e direzione attuale.

2006-01-01 00.00.00-443

2006-01-01 00.00.00-447

2006-01-01 00.00.00-446

2006-01-01 00.00.00-440

controsofittature:

foto attuali:

 

2006-01-01 00.00.00-428

 

La scelta dei materiali ha creato molto imbarazzo, dalla scelta dei pavimenti delle aree operative ai diffusori per l’illuminazione. La difficoltà risiede nel trovare materiali che abbiano caratteristiche strutturali valide per gli ambienti sanitari, adeguate e nel rispetto delle normative del dipartimento di prevenzione A.S.L, ai fini della richiesta di autorizzazione, ma al tempo stesso che siano esteticamente accettabili. Per la scelta dei materiali e dei requisiti strutturali è stata presa di riferimento la seguente nota dell’albo odontoiatri la quale nacque come chiarimento su alcuni punti del decreto 7301. NOTA INTERPRETATIVA DELLA COMMISSIONE ODONTOIATRI DI NAPOLI PER I REQUISITI MINIMI STRUTTURALI, TECNOLOGICI ED ORGANIZZATIVI NON ANCORA CONFERMATA DAGLI ORGANI REGIONALI ” Le superfici devono risultare lisce e resistenti al lavaggio: sono interessate le pareti delle sale operative per un’altezza minima di 200 cm. E’ possibile utilizzare i rivestimenti plastici (es.PVC, laminati) o pitture adatte ad ambienti sanitari (es. smalto-quarzo lucido ecc.) Il raccordo arrotondato al pavimento: realizzabile con battiscopa dai profili arrotondati generalmente in materiale plastico o sigillando con resine sanitarie i battiscopa esistenti Il pavimento monolitico: bisogna escludere la moquet, il parquet, il marmo e il cotto non trattati con materiali idonei. Sono idonee le piastrelle (es. ceramica, gres, monocottura ecc.),queste devono avere fughe superiori a 3mm sigillate con apposite resine epossidiche per pavimenti sanitari , il tutto asseverato da tecnico abilitato. Sono idonei altresì il pvc ad alta densità termosaldato, le resine epossidiche o altri materiali rispondenti ai requisiti previsti.” Dallo studio dei materiali ed in particolare della durezza superficiale espressa in unità durezza Brinnel o Vickers appare molto chiaro che un pavimento a basa resinosa e/o agglomerato che sia abbia una resistenza superficiale di gran lunga inferiore a materiali ceramici tipo gress porcellanato (La durezza Vickers è la misura della durezza del materiale, calcolata dalla dimensione di un ‘impressione prodotta da un penetratore di diamante a forma di piramide.) Considerando le diverse resistenze offerte da materiali diversificati, il gress porcellanato offre sicuramente maggiore resistenza ( pensiamo per un attimo al peso del nostro corpo sulla sedia dotata di ruote girevoli ) alle scalfiture ed ai graffi, con una resa a lungo termine migliore rispetto a linoleum o simili. La continuità degli stessi verrà affidata a fuganti epossidiche resinose, lavabili ed impermeabili, mentre per gli angoli con le pareti è stata adottata la scelta di raccordi arrotondati in gress porcellanato i quali offrono un buon effetto di continuità con le pareti. Le pareti sono state verniciate con idropittura lavabile sickens antibatterica.

 

 

Alcuni dettagli dell’impianto elettrico mascherato ma al tempo stesso di facile accesso ed utilizzo.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

L’espressione del viso al centro di un sistema coordinato e multi approccio per il potenziamento delle proprie competenze

 

Ridefinire l’estetica totale del viso in tre fasi coordinate tra loro, offrendo un restilyng completo dell’immagine dei propri  utenti/pazienti con mezzi semplici poco costosi, in tempi brevissimi per i momenti di vita più preziosi.

Questo programma nasce dal concetto di sinergia lavorativa tra figure diversificate, le quali mosse da un programma specifico e ben costruito verranno intese come un unico grande professionista competente, restituendo tutta l’organizzazione in un unico solo intervento di restailyng totale del volto.

Alla fine del corso di orientamento si potrà ricevere tutto il materiale occorrente (brochure, video) informativo per le proprie utenze.

figure professionali coinvolte:

L’odontoiatra :il sorriso rappresenta l’espressione massima dell’estetica del volto. lo studio di esso al centro di un progetto di sinergia e multi approccio.

Visagista/parrucchiere: La sinergia con le altre figure, renderanno il lavoro cosmetico migliorato ed  amplificato, per un’estetica del volto ineccepibile.

Il fotografo: per rendere i servizi fotografici unici e scatti irripetibili.

 

 

 

 

 

 

Primo corso programmato per il 26/05/14 ore 10:00-13:00

Per info e prenotazioni: contattare il numero 0815123928 o inviare una mail a: idiagnosi@gmail.com

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La comunicazione multimediale nello studio odontoiatrico.

Nell’epoca delle “comunicazioni multimediali” ci ritroviamo nel bel mezzo della continua corsa all’acquisto dell’ultimo ritrovato tecnologico, che porta ognuno di noi a circondarsi di apparecchiature e device elettronici all’ultimo grido.

Oggi per ogni esigenza sembra esserci un’applicazione pronta a semplificarci la vita, e allora perchè non provare a semplificare il nostro lavoro?

Questo corso si propone di mostrare come integrare nel proprio mondo lavorativo i device in nostro possesso al fine di migliorare e semplificare la professione odontoiatrica, in particolar modo nella fase di comunicazione con il paziente.

Obiettivi del corso:

-Conoscere gli attuali device per ottimizzare la fase clinico-diagnostica

-Come integrare i propri device nella gestione dello studio

-Comprendere l’iportanza delle immagini e la loro gestione

-L’utilizzo delle applicazioni nella comunicazione col paziente

-Migliorare la fase esplicativa dei piani di trattamento mediante l’utilizzo delle immagini

 

Corso in fase di programmazione

iDiagnosi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Private: DIAGNOSI E PIANIFICAZIONE ORTODONTICA NELL’ADULTO: caso estrattivo di notevole complessità tecnica.

 

Dott. Pasquale Aceto.

 

 

Premesse

Il trattamento ortodontico può diventare una fonte di rischio quando non è stata elaborata una corretta diagnosi.

La diagnosi ortodontica è la formulazione di ipotesi in modo sistematico, diretto a due fini: la classificazione e la pianificazione delle misure terapeutiche richieste dal caso.

Se non vengono ricercati correttamente i segni clinici, non vengono effettuate le opportune indagini radiografiche e le misurazioni cefalometriche, i rischi di programmare un trattamento ortodontico incongruo possono decisamente aumentare.

Per questo, idiagnosi si pone l’obiettivo di aiutare il clinico nell’effettuare diagnosi precise e nel proporre  terapie corrette e consequenziali al tipo di malocclusione diagnosticata.

La diagnosi ortodontica è composta da due fasi: la prima visita, da cui si ricavano i dati immediati attraverso l’osservazione ed il colloquio con il paziente; lo studio dei modelli, delle fotografie e delle radiografie.

Nella prima visita il clinico tramite l’osservazione riuscirà a rilevare i dati pertinenti alla dentizione e all’occlusione, per esempio l’igiene orale, lo stato di salute delle gengive, dimensione, forma ed esposizione della lingua, le ricostruzioni dentali, l’esame della muscolatura orofacciale e mandibolare, lo stato delle articolazioni temporo-mandibolari, etc.

Nella seconda parte del processo diagnostico sono necessarie tre procedure: la colature dei modelli studio, le foto extra-orali ed intra-orali e le radiografie.

I modelli studio sono una delle più importanti fonti di informazione per l’ortodontista che si appresta ad effettuare il trattamento ortodontico, e il tempo impiegato per la loro precisa costruzione è sicuramente speso bene. Un buon modello dovrebbe evidenziare l’allineamento dei denti ed i processi alveolari fino a dove il materiale da impronta riesce a dislocare i tessuti molli. Dal punto di vista occlusale si possono analizzare la forma d’arcata, la sua simmetria, l’allineamento dei denti, la forma del palato, la dimensione dei denti, eventuali rotazioni ed altre informazioni. Si possono invece osservare le relazioni occlusali, le linee mediane, l’inserzione dei frenuli, la curva occlusale, l’inclinazione assiale dei denti tenendo i modelli dentali nella posizione occlusale abituale. Sui modelli è possibile quantificare il grado di affollamento misurando gli spazi presenti e i diametri dei denti. Tali misurazioni sono da sempre state ricavate utilizzando dei calibri manuali o digitali. Da pochi anni sono stati introdotti dei software specifici in grado di effettuare gli stessi calcoli in modo più preciso e veloce.

Le fotografie extra-orali ed intra-orali standardizzate possono integrare i dati diagnostici già rilevati. I genitori ed i pazienti generalmente possono capire meglio la diagnosi e i risultati con le fotografie piuttosto che sui modelli in gesso o sulle radiografie. Le foto extra-orali si dividono in frontali e laterali. Le frontali sono indispensabili per effettuare una diagnosi estetica valutando l’altezza facciale, la presenza di eventuali asimmetrie, l’esposizione dentale e gengivale al sorriso. Le foto laterali ci permettono di valutare al meglio il profilo. Le foto intra-orali, invece, sono necessarie per confermare quanto già rilevato allo studio dei modelli in gesso.

Le radiografie utilizzate più frequentemente in ortodonzia sono quelle panoramiche e le teleradiografie laterali.

Nella radiografia panoramica si può:

• Osservare le relazioni di entrambe le arcate mascellari e le articolazioni;

• Studiare lo stato di sviluppo dei denti e il progressivo riassorbimento dei denti decidui;

• Determinare la presenza di lesioni patologiche.

La teleradiografia laterale è il mezzo al quale si ricorre più frequentemente  per valutare i rapporti tra le componenti dentali e scheletriche. La sua analisi permette di studiare la morfologia e la crescita, la diagnosi delle malocclusioni e delle displasie craniofacciali, la pianificazione del trattamento ortodontico, la valutazione dei progressi della terapia e la qualità del risultato. Sulla radiografia laterale si può effettuare il tracciato cefalometrico laterale manuale o computerizzato. Nessuno può tentare di curare malocclusioni che non siano le più semplici senza l’aiuto di meticolose analisi cefalometriche.

L’obiettivo di questo procedimento diagnostico è di estrapolare dai dati clinici e strumentali il maggior numero di informazioni, per arrivare a poter scegliere tra diverse ipotesi di trattamento quella più predicibile e con il minor rischio.

Il nostro protocollo operativo si articolerà attraverso i seguenti punti:

1. Raccolta dei dati clinici ed anamnestici.

2. Classificazione dei difetti in esame;

3. Analisi delle possibilità di trattamento e dei rischi connessi al caso;

4. Ipotesi del piano di trattamento razionale;

5. La discussione attraverso il blog, del piano di trattamento ipotizzato.

1. Raccolta dei dati clinici ed anamnestici

La paziente di 25 anni, giunta alla nostra osservazione in buone condizioni di salute, riferisce di non provare piacere nel guardare il proprio sorriso davanti allo specchio e di notare che i denti dell’arcata superiore risultano troppo sporgenti, tanto da renderle difficile la chiusura delle labbra.

Ha già effettuato un trattamento ortodontico, durato sei anni, con un’apparecchiatura fissa superiore e un espansore palatale ancorato sugli elementi 1.6 e 2.6.

Nonostante ciò, la paziente non è per nulla soddisfatta dei risultati ottenuti.

L’esame obbiettivo intra- ed extra- orale mette in evidenza, buoni condizioni di igiene orale, un biotipo gengivale spesso, l’assenza di neoformazioni palpabili, la presenza di cute e mucose normoemiche con lingua in asse e normomobile, frenuli correttamente inseriti, livello di attacco clinico gengivale normale, assenza di processi cariosi in atto, presenza di un’otturazione in amalgama sull’elemento dentario 2.6, presenza di discromia a carico dell’elemento dentario 3.5, presenza di decalcificazioni sui denti dell’arcata superiore soprattutto nella zona anteriore, presenza di faccette di usura.

L’esame gnatologico risulta negativo. Non ci sono segni e sintomi di disordini temporo-mandibolari.

La raccolta dei dati clinici e strumentali si divide nei seguenti esami:

a.  Analisi estetica del volto

b.  Raccolta dei dati clinici ed anamnestici

c.   Panoramica

d.  Analisi dell’occlusione statica

e.  Analisi cafalometrica

     a. Analisi Estetica del volto

In Visione frontale sono stati  riscontrati:
  •  Simmetria facciale
  •  Altezza facciale aumentata soprattutto per il terzo inferiore del viso;
  • contrazione alla chiusura delle labbra

Il sorriso si presenta :

  •  Non gengivale
  •  Non sono presenti corridoi buccali neri.

 

Nelle fotografie laterali il profilo della paziente è convesso. In queste foto si evidenza la notevole contrazione delle labbra.

  1.  Panoramica

 

Nella panoramica, notiamo l’assenza degli elementi dentari 3.6 e 4.8, precedentemente estratti. L’elemento 3.7 presenta una notevole mesio-inclinazione coronale. Il 1.8 e il 2.8 risultano in inclusione osteo-mucosa. Notiamo ancora la rizalsi di 1.2 e 2.2 e la presenza di un’area radiotrasparente tondeggiante circondante l’apice della radice del 3.5.

  1.   Analisi dell’occlusione statica.

 

 

La paziente presenta in visione trasversale un’arcata superiore eccessivamente espansa posteriormente tanto da mettere in evidenza un brodie a carico dell’elemento dentario 2.5.

La linea mediana dell’arcata superiore seppur coincidente con la linea mediana del viso risulta deviata rispetto all’inferiore di circa 4 mm. L’overbite (2,5 mm) è normale.

In visione laterale destra è presente una I classe molare e canina, mentre in visione laterale sinistra notiamo una II classe molare e canina. Per questo ci troviamo di fronte ad una malocclusione di II classe di Angle, divisione 1, suddivisione.

L’OVJ è aumentato (5 mm).

Le curve di Spee superiori sono piatte mentre quelle inferiori sono moderatamente accentuate.

Nella foto laterale di sinistra notiamo che l’elemento dentario 3.7 è notevolmente mesio-inclinato, probabilmente a causa della mancanza dell’elemento 3.6.

In visione occlusale superiore notiamo molteplici rotazioni e distopie dentarie.

In visione occlusale inferiore  l’affollamento è sicuramente maggiore soprattutto nella zona anteriore (da 3.3 a 4.3).

 4.   Analisi dello spazio.

 L’analisi millimetrica del modello inferiore ci ha permesso di stimare il grado di affollamento presente.

Lo spazio necessario, cioè la somma di tutti i diametri mesio-distali dei denti è di 39.7 mm, mentre lo spazio disponibile, cioè la somma degli spazi presenti misura   37 mm.

L’affollamento totale risulta quindi di 2.7 mm.

  1.  Analisi cefalometrica.

L’analisi dento-scheletrica della teleradiografia  effettuata con il software cefalometrico ha evidenziato che la paziente presenta una II classe (ANB 8.3°; Wits 7.7 mm), una marcata iperdivergenza mandibolare (MP – SN 40.3°) ed una notevole vestibolo-inclinazione degli incisivi superiori (U1 – SN 109.9°).

  1.  Classificazione dei difetti in esame.

Solo dopo aver analizzato in modo preciso i dati ricavati dai sei esami effettuati, il clinico può arrivare ad esprimere un’ipotesi di classificazione delle problematiche del paziente.

In questo caso la diagnosi sarà:

II classe dento-scheletrica, in soggetto iperdivergente. Presenza di biprotrusione ed incompetenza labiale.

Nello specifico possiamo elaborare una lista dei problemi:

  •  II classe dentoscheletrica
  •  II classe dentale, con OVJ aumentato
  • Vestibolo-inclinazione degli incisivi superiori
  • Deviazione della linea mediana inferiore
  • Profilo Convesso
  • Affollamento inferiore
  • Biprotrusione labiale
  • Incompetenza labiale
  1.  Analisi delle possibilità di trattamento e dei rischi connessi al caso.

Arrivati a questo punto ci chiediamo quale sia la terapia più appropriata per risolvere tale malocclusione.

Trovandoci in dentizione permanente la terapia potrà essere:

  • Ortodontica senza estrazioni
  • Ortodontica con estrazioni
  • Ortodontica-chirurgica

Una terapia ortodontica senza estrazioni, ci permetterà soltanto di riallineare le arcate dentarie, peggiorando ulteriormente l’OVJ e l’OVB. Inoltre tale ipotesi potrebbe accentuare sia la biprotrusione che l’incompetenza labiale. Il rischio di recidiva sarà sicuramente maggiore.

Al contrario una terapia ortodontica con estrazioni, risolverà tutte le problematiche dentali e migliorà l’estetica delle labbra. Il rischio di recidiva sarà sicuramente minore rispetto alla precedente proposta terapeutica.

La terapia ortodontica-chirurgica è sicuramente l’ipotesi più efficace sia per la risoluzione delle problematiche dentali, che di quelle estetiche del volto. È l’unica che ci permetterebbe di migliorare il profilo della paziente. Nonostante ciò è sicuramente una terapia invasiva, più complicata da gestire sotto la sfera emotiva, e per questo richiede una forte motivazione della paziente.

NOTE

Per tutte le proposte terapeutiche ipotizzate, c’è il rischio di procurare dei danni radicolari agli elementi dentari già sollecitati da forze ortodontiche, considerando che il 1.2 e il 2.2 già presentono delle rizalisi evidenti.

È stato inoltre proposto alla paziente di estrarre gli elementi dentari 1.8 e 2.8, perchè inclusi.

  1.  Ipotesi del piano di trattamneto razionale.

La nostra ipotesi terapeutica sarà quella estrattiva e non quella chirurgica, perché la paziente non sente la necessità di modificare in modo invasivo l’estetica del suo volto.

Si procederà ad elencare le fasi del trattamento razionale ipotizzato, vi invitiamo ad intervenire, dare suggerimenti, commentare, avanzare ipotesi alternative, nella speranza di  migliorare grazie a voi per il beneficio dei pazienti, le nostre fasi terapeutiche.

1: Estrazione di 1.4, 2.4, 3.5 e 4.4;

2: Fase di allineamento e livellamento:

a: Bondaggio inferiore (da 3.7 a 4.7) con brackets metallici con    prescrizione MBT 0.22 e posizionamento di un arco .016 Copper Ni-Ti 27°;

b: posizionamento di 2 laceback (filo di accio .010) rispettivamente tra la banda del 3.7 e il bracket del 3.3 e tra la banda del 4.7 e il bracket del 4.3, utilizzo dei bendbacks per controllare la proclinazione degli incisivi;

c: Bondaggio superiore (da 3.7 a 4.7) con brackets in zaffiro con prescrizione MBT 0.22, posizionamento di un arco estetico .016 Copper Ni-Ti 27°;

d: posizionamento di 2 laceback (filo di accio .010) rispettivamente tra la banda del 1.7 e il bracket del 1.3 e tra la banda del 2.7 e il bracket del 2.3, utilizzo dei bendbacks per controllare la proclinazione degli incisivi;

e: Sostituzione degli archi iniziali con archi superiori ed inferiori .019x.025 Copper Ni-Ti 35°, stringere i lacebacks sui canini superiori, inserimento delle pieghe di bendbacks per controllare l’ancoraggio anteriore sia all’arcata superiore che all’inferiore.

3:Chiusura spazi inferiore

a: Posizionamento di un arco inferiore .019x.025 in acciaio con un uncino clampato distalmente al brackets del 4.2;

b: Utilizzo dei bendbacks;

c: Posizionamento di una miniscrew in Titanio nello spazio tra le radici di 3.2 e 3.3;

d: Posizionamento di un power arm sulla banda del 3.7 e applicazione di una molla di chiusura in Ni-Ti dal power arm alla miniscrew per favorire la mesializzazione del 3.7;

e: Posizionamento di una molla di chiusura in Ni-Ti dalla banda del 4.6 all’uncino clampato sull’arco.

4: Chiusura spazi superiori

a: Posizionamento di un arco superiore .019x.025 in acciaio con 2 uncini clampati distalmente agli attacchi dei laterali superiori e di una barra transpalatale agganciata alla bande del 1.6 e 2.6;

b: Utilizzo dei lacebacks sui canini e dei bendbacks distalmente ai settimi;

c:  Applicazione di 2 molle di chiusura rispettivamente tra la banda del 1.6 e l’uncino clampato a destra e la seconda tra la banda del 2.6 e l’uncino clampato a sinistra.

5: Finitura

a: Presa delle impronte del paziente dopo la fine della fase di chiusura spazi;

b: Valutare sui modelli se riposizionare dei brackets o se effettuare delle pieghe di finitura per correggere la posizione di alcuni elementi dentari;

c: Valutare sui modelli sulla necessità per 30 giorni di elastici di II classe o della linea mediana per favorire il corretto ingranaggio tra le arcate dentarie.

 

 

Letture consigliate

  • Fields Jr. H.W., Proffit W.R., Sarver D.M. Ortodonzia Moderna 3 edizione e-edition . Editore Elsevier Masson.
  • Sfondrini, Gandini, Sfrondini, Cacciafesta , Fraticelli. Ortognatodonzia terapia. Editore Martina.
  • Rakosi Thomas. Diagnostica ortognatodontica. Editore Elsevier.

 

  1.  Discussione attraverso il blog del piano di trattamento ipotizzato.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Idiagnosi Leggi di più

Diagnosi

 

Gentile utente,

dal 25 maggio 2018 la protezione dei dati personali è regolata in maniera uniforme in tutti i Paesi dell’Unione Europea dal nuovo Regolamento generale sulla protezione dei dati 2016/679 (GDPR). Abbiamo aggiornato la nostra informativa privacy conformemente all’articolo 13 del GDPR.

In qualsiasi momento potrai contattarci utilizzando i canali di contatto presenti all’interno della specifica sezione dell’informativa privacy per ottenere informazioni e/o chiarimenti.

Oppure all ‘indirizzo : idiagnosi@gmail.com

Chi Siamo

www.idiagnosi.it

Commenti

Quando i visitatori lasciano commenti sul sito, raccogliamo i dati mostrati nel modulo dei commenti oltre all’indirizzo IP del visitatore e la stringa dello user agent del browser per facilitare il rilevamento dello spam.

Per quanto tempo conserviamo i tuoi dati

Se lasci un commento, il commento e i relativi metadati vengono conservati a tempo indeterminato. È così che possiamo riconoscere e approvare automaticamente eventuali commenti successivi invece di tenerli in una coda di moderazione.

Per gli utenti che si registrano sul nostro sito web (se presenti), memorizziamo anche le informazioni personali che forniscono nel loro profilo utente. Tutti gli utenti possono vedere, modificare o cancellare le loro informazioni personali in qualsiasi momento (eccetto il loro nome utente che non possono cambiare). Gli amministratori del sito web possono anche vedere e modificare queste informazioni.

Dove spediamo i tuoi dati

I commenti dei visitatori possono essere controllati attraverso un servizio di rilevamento automatico dello spam.

Analytics

In questo sito viene usato un plugin Analytics per la tracciabilità degli utenti che visitano il sito. Secondo le normative di google analytics

 Cos’è un cookie?

I cookie sono brevi file di testo che vengono scaricati sul dispositivo dell’utente quando si visita un sito web . Ad ogni visita successiva i cookie sono reinviati al sito web che li ha originati (cookie di prime parti) o a un altro sito che li riconosce (cookie di terze parti). I cookie sono utili perché consentono a un sito web di riconoscere il dispositivo dell’utente. Essi hanno diverse finalità come, per esempio, consentire di navigare efficientemente tra le pagine, ricordare i siti preferiti e, in generale, migliorare l’esperienza di navigazione. Contribuiscono anche a garantire che i contenuti pubblicitari visualizzati online siano più mirati ad un utente e ai suoi interessi. In base alla funzione e alla finalità di utilizzo, i cookie possono suddividersi in cookie tecnici, cookie di profilazione, cookie di terze parti.

Cookie tecnici

I cookie tecnici sono quelli il cui utilizzo non richiede il consenso dell’utente. Questi cookie sono essenziali per consentire di navigare in un sito web e utilizzarne tutte le funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, un sito web non potrebbe fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere. Un cookie di questo tipo viene inoltre utilizzato per memorizzare la decisione di un utente sull’utilizzo di cookie sul sito web.
A questa categoria appartengono anche i performance cookie, che talvolta sono chiamati anche analytics cookie. Si tratta di cookie che raccolgono informazioni circa l’utilizzo che un utente fa di un sito web e che consentono di migliorarne il funzionamento. Ad esempio i performance cookie mostrano quali sono le pagine più frequentemente visitate, consentono di verificare quali sono gli schemi ricorrenti d’utilizzo di un sito web, aiutano a comprendere ogni difficoltà che l’utente incontra nell’utilizzo e mostra l’efficacia della pubblicità che viene pubblicata sul sito.

I cookie tecnici sono essenziali e non possono essere disabilitati utilizzando le funzioni di questo sito web. In generale i cookie possono essere disattivati completamente nel proprio browser in qualsiasi istante.

Come disabilitare i cookie dal tuo browser

È possibile gestire i cookie anche attraverso le impostazioni del browser.
In ogni momento puoi accettare, rifiutare i cookie oppure decidere d’impostare un messaggio di avviso prima di accettare un cookie dai siti web visitati.
Le procedure per gestire i cookie differiscono a seconda del browser utilizzato, accedendo alla sezione guida di quest’ultimo puoi scoprire come gestire le impostazioni.
Ti informiamo che la modifica delle impostazioni avrà impatti solo su quel determinato browser e pc, per poter allineare il comportamento anche ad altri dispositivi e necessario ripetere l’operazione su ogni browser.
Ti ricordiamo inoltre che disabilitando alcuni cookie il sito web potrebbe non essere in grado di fornirti servizi profilati.

 

La presente privacy policy può subire modifiche nel tempo – anche connesse all’eventuale entrata in vigore di nuove normative di settore, all’aggiornamento o erogazione di nuovi servizi ovvero ad intervenute innovazioni tecnologiche – per cui l’utente/visitatore è invitato a consultare periodicamente questa pagina.

 

Cookie di profilazione

All’interno dei propri siti web, IDIAGNOSI oltre ad utilizzare i cookie tecnici si serve anche di cookie di profilazione. Questi cookie ci consentono di ricordare le scelte che gli utenti fanno sul sito e/o i servizi che vengono espressamente richiesti con lo scopo di fornire servizi più avanzati e personalizzati.

L’utilizzo di detti cookie necessita dell’acquisizione preventiva del libero consenso informato dell’utente ai sensi dell’art. 23 del D.Lgs. 196/2003. Il consenso viene acquisito attraverso un banner visibile agli utenti alla prima visita di uno dei siti di SPONSORBY, come previsto dal provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali (n. 229 dell’8 maggio 2014). Detto consenso può essere revocato in ogni momento, spuntando la relativa check box. Il diniego del consenso all’utilizzo dei cookie di profilazione non interferirà sulla possibilità di accedere al sito, salvo l’impossibilità di accedere a quelle funzioni o contenuti che fanno utilizzo di tali cookie.

Cookie di terze parti

IDIAGNOSI potrebbe utilizzare anche cookie di siti o di web server diversi (c.d. cookie di “terze parti”).

I cookie di terze parti vengono utilizzati anche per personalizzare l’esposizione pubblicitaria a seconda dell’interesse dell’utente e della frequenza di esposizione al messaggio.

Cookie

Se lasci un commento sul nostro sito, puoi scegliere di salvare il tuo nome, indirizzo email e sito web nei cookie. Sono usati per la tua comodità in modo che tu non debba inserire nuovamente i tuoi dati quando lasci un altro commento. Questi cookie dureranno per un anno.

Come proteggiamo i tuoi dati

Misure di sicurezza come l’autenticazione a due fattori; e misure come la formazione del personale sulla protezione dei dati.

Quali procedure abbiamo predisposto per prevenire la violazione dei dati

sistemi di report interni, messa in contatto automatica o cacciatori di bug.

Quali diritti hai sui tuoi dati

Se hai un account su questo sito, o hai lasciato commenti, puoi richiedere di ricevere un file esportato dal sito con i dati personali che abbiamo su di te, compresi i dati che ci hai fornito. Puoi anche richiedere che cancelliamo tutti i dati personali che ti riguardano. Questo non include i dati che siamo obbligati a conservare per scopi amministrativi, legali o di sicurezza.

Media

Se carichi immagini sul sito web, dovresti evitare di caricare immagini che includono i dati di posizione incorporati (EXIF GPS). I visitatori del sito web possono scaricare ed estrarre qualsiasi dato sulla posizione dalle immagini sul sito web.

In questo sito si utilizza i canali Social : facebook, Istragram, Youtube,linkedin.

In questo sito viene utilizzato un plugin Count Per Day per  la conta dei visitatori, sia on line, che durante la settimana e il mese.

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi

Titolare del Trattamento dei Dati

Vincenzo Carbone

Diritto all’oblio e alla cancellazione dei dati personali

In conformità alla vigente disciplina puoi esercitare i seguenti diritti:
• chiedere e ottenere informazioni relative all’esistenza di tuoi dati personali, alle finalità del trattamento nonché l’accesso a tali dati;
• chiedere e ottenere la modifica e/o correzione dei tuoi dati personali se ritieni che siano inaccurati o incompleti;
• chiedere e ottenere la cancellazione – e/o la limitazione del trattamento – dei tuoi dati personali qualora si tratti di dati o informazioni non necessari – o non più necessari – per le finalità che precedono;
• chiedere ed ottenere la portabilità in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico dei dati personali che siano trattati con mezzi automatizzati e richiederne il trasferimento ad altro titolare del trattamento.
Tali richieste potranno essere indirizzate all’email del titolare del trattamento dei dati.

Indirizzo email del Titolare: idiagnosi@gmail.com

Dal momento che l’installazione di Cookie e di altri sistemi di tracciamento operata da terze parti tramite i servizi utilizzati all’interno idiagnosi non può essere tecnicamente controllata dal Titolare, ogni riferimento specifico a Cookie e sistemi di tracciamento installati da terze parti è da considerarsi indicativo. Per ottenere informazioni complete, l’Utente è invitato a consultare la privacy policy degli eventuali servizi terzi elencati in questo documento.

Vista l’oggettiva complessità di identificazione delle tecnologie basate sui Cookie l’Utente è invitato a contattare il Titolare qualora volesse ricevere qualunque approfondimento relativo all’utilizzo dei Cookie stessi tramite www.carboneodontoiatria.it

Definizioni e riferimenti legali

Dati Personali (o Dati)

Costituisce dato personale qualunque informazione che, direttamente o indirettamente, anche in collegamento con qualsiasi altra informazione, ivi compreso un numero di identificazione personale, renda identificata o identificabile una persona fisica.

Dati di Utilizzo

Sono le informazioni raccolte automaticamente attraverso www.idiagnosi.it (anche da applicazioni di parti terze integrate in www.idiagnosi.it), tra cui: gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dall’Utente che si connette con www. idiagnosi.it, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier), l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nell’inoltrare la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta dal server (buon fine, errore, ecc.) il paese di provenienza, le caratteristiche del browser e del sistema operativo utilizzati dal visitatore, le varie connotazioni temporali della visita (ad esempio il tempo di permanenza su ciascuna pagina) e i dettagli relativi all’itinerario seguito all’interno dell’Applicazione, con particolare riferimento alla sequenza delle pagine consultate, ai parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’Utente.

Utente

L’individuo che utilizza flavioweb.net che, salvo ove diversamente specificato, coincide con l’Interessato.

Interessato

La persona fisica cui si riferiscono i Dati Personali.

Responsabile del Trattamento (o Responsabile)

La persona fisica, giuridica, la pubblica amministrazione e qualsiasi altro ente che tratta dati personali per conto del Titolare, secondo quanto esposto nella presente privacy policy.

Titolare del Trattamento (o Titolare)

La persona fisica o giuridica, l’autorità pubblica, il servizio o altro organismo che, singolarmente o insieme ad altri, determina le finalità e i mezzi del trattamento di dati personali e gli strumenti adottati, ivi comprese le misure di sicurezza relative al funzionamento ed alla fruizione di www.idiagnosi.it. Il Titolare del Trattamento, salvo quanto diversamente specificato, è il titolare di www.idiagnosi.it

Servizio

Il Servizio fornito da www.idiagnosi.it così come definito nei relativi termini (se presenti) su questo sito/applicazione.

Unione Europea (o UE)

Salvo ove diversamente specificato, ogni riferimento all’Unione Europea contenuto in questo documento si intende esteso a tutti gli attuali stati membri dell’Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo.

Riferimenti legali

La presente informativa privacy è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679.

Ove non diversamente specificato, questa informativa privacy riguarda esclusivamente www.idiagnosi.it

 

Scheda Tecnica:

Tema:FMedicine

plugin usati:

Wordfence Security

Yoast SEO

Subscribe to Comments Reloaded

SI Captcha Anti-Spam

Mihdan: Ajax Edit Comments

Limit Login Attempts

Google XML Sitemaps

WP Robots Txt

Count Per Day

Cookie Notice

Anti-spam

 

Ortodonzia linguale customizzata: scelta clinica e procedura di bondaggio su paziente.

Dott. Pasquele Aceto

Introduzione

La maggior parte dei pazienti adulti, svolgendo un’intensa vita di relazione, rifiuta il trattamento ortodontico tradizionale.

Per far fronte a questa richiesta l’industria ha messo appunto varie apparecchiature ortodontiche “invisibili” allo scopo di preservare l’estetica anche nel corso del trattamento ortodontico. Tra queste ha preso notevolmente piede l’ortodonzia linguale in quanto rappresenta una tecnica in grado di fornire buoni risultati sul piano biomeccanico e, al tempo stesso, di risolvere i problemi di natura estetica.

L’Ortodonzia linguale consiste nel fissare gli attacchi dell’apparecchio sulla parte interna (o linguale) del dente, rendendoli invisibili dall’esterno. 


Questa tecnica richiedendo un approccio biomeccanico diverso, unito ad un maggior tempo operativo necessario alla poltrona, si è diffusa limitatamente.

Inoltre, la superficie dentale linguale, al contrario di quella vestibolare, è dotata di una variabilità anatomica tale da non permette di poter ottenere un controllo ottimale dei movimenti di terzo ordine senza ricorrere a strumenti di misurazionedel torque durante le fasi di laboratorio.

Per ovviare a queste problematiche è stata introdotta sul mercato l’Ortodonzia linguale customizzata. Tale tecnica consiste nell’utilizzo di attacchi ritagliati in modo preciso usando la tecnologia CAD-CAM, così che le basi degli stessi attacchi vengono fatte su misura per ogni dente, e lo slot per ogni attacco ha lo spessore, l’inclinazione ed il torque necessari per raggiungere la posizione ideale del dente.

Gli attacchi sono posizionati con un sistema di incollaggio indiretto e gli archi utilizzati sono pre-piegati da robot e per questo risultano più precisi.

L’ultima grande innovazione nell’ortodonzia linguale customizzata è stata l’introduzione degli attacchi autoleganti, già utilizzati ampiamente nella tecnica vestibolare.

La letteratura ortodontica internazionale ha evidenziato due vantaggi delle apparecchiature autoleganti rispetto a quelle che necessitano di legature: la riduzione dei tempi operativi alla poltrona e la riduzione della proclinazione degli incisivi inferiori durante l’allineamento.

Lo scopo di questo articolo è quello di presentare un caso di affollamento dentale inferiore trattato con Harmony, una tecnica di ortodonzia linguale customizzata autolegante.

Il caso descritto, sarà oggetto del prossimo incontro dello Study Club idiagnosi Ortodonzia, durante il quale sarà possibile assistere a tutte le fasi di bondaggio e descrizione della tecnica.

Raccolta dei dati clinici ed anamnestici

All’esame extraorale la paziente mostra un viso simmetrico ed armonico nelle proporzioni dei tre terzi del volto; le labbra sono competenti; il profilo è lievemente convesso (Fig. 1).

L’esame obbiettivo intra-orale mette in evidenza, buoni condizioni di igiene orale, l’assenza di neoformazioni palpabili, la presenza di cute e mucose normoemiche con lingua in asse e normomobile, frenuli correttamente inseriti, livello di attacco clinico gengivale normale, assenza di processi cariosi in atto, presenza delle gemme degli ottavi inferiori in disodontiasi.

La paziente presenta una malocclusione dentale di classe I, con affollamento inferiore, rotazione del 2.2 e deviazione della linea mediana inferiore di 1.5 mm verso sinistra (Fig. 1).

Fig.1 Foto intra e extra-orali

L’esame gnatologico non mette in evidenza alterazioni a carico  dell’A.T.M. L’esame RX O.P.T. mostra la presenza dei molari del giudizio inferiori in mesioversione orizzontale.

Analisi Cefalometrica

 

                 Fig. 2 Cefalometria computerizzata

L’analisi dento-scheletrica della teleradiografia (Fig 2) effettuata con il software cefalometrico ha evidenziato che la paziente presenta una I classe scheletrica (ANB 3.7°; Wits 1.7 mm), una tendenza all’iperdivergenza mandibolare (MP – SN 39.4°) ed una vestibolo-inclinazione degli incisivi inferiori (IMPA 106.5°).

Analisi dello spazio anteriore

Fig. 3 Modello inferiore

Lo spazio necessario, cioè la somma di tutti i diametri mesio-distali dei denti è di 35.2 mm, mentre lo spazio disponibile, cioè la somma degli spazi presenti misura in totale 30.9 mm. 

L’affollamento totale risulta quindi di 4.3 mm.

Classificazione dei difetti in esame

Dopo aver analizzato dettagliatamente i records diagnostici, possiamo adesso elencare tutti i problemi ortodontici:

Affollamento inferiore

– Tendenza all’iperdivergenza

– Vestibolo-inclinazione degli incisivi inferiori

– Rotazione 2.2

– Deviazione della linea mediana inferiore di 1.5 mm verso sinistra.

La diagnosi è di:

I classe dento-scheletrica, in soggetto tendente all’iperdivergenza con affollamento inferiore.

Analisi delle possibilità di trattamento e dei rischi connessi al caso:

La paziente giunta alla nostra osservazione per correggere le sue problematiche ortodontiche,  ha richiesto un trattamento minimamente invasivo e altamente estetico. L’ortodonzia vestibolare, seppure con attacchi in ceramica, non è stata presa in considerazione dalla paziente, per la sua visibilità esterna.

Si è optato così per una terapia mista, con apparecchiatura linguale di tipo customizzata (Harmony) all’arcata mandibolare e l’utilizzo di allineatori superiori all’arcata mascellare per correggere la derotazione dell’elemento 2.2.

La scelta di utilizzare Harmony per l’arcata mandibolare è motivata dalla possibilità di correggere l’affollamento moderato-grave senza estrazioni, con la massima estetica e il notevole comfort per il paziente. Inoltre tale sistematica, essendo self-ligating ridurrà la proclinazione degli incisivi inferiori.

Sono state così inviate le impronte di precisione con le prescrizioni.

Il caso è stato caricato dai tecnici Harmony sullo spazio web Harmony del clinico di riferimento. È stato possibile così visionare il setup digitale (Fig. 4) e confermare la spedizione del caso, costituito dagli attacchi inglobati nel tray system e dagli archi pre-piegati (Fig. 5).

Fig. 4 Setup Digitale

Fig. 5 Tray system – Archi pre-piegati

Lo Study Club Idiagnosi Ortodonzia nel I incontro ufficiale si riunirà per il bondaggio del caso descritto.

Programma evento:

–  Presentazione Study Club Idiagnosi Ortodonzia e finalità

–  Introduzione caso clinico: diagnosi, piano di trattamento, valutazione dei rischi e scelta terapeutica.

–  Introduzione alla sistematica Harmony: descrizione della tecnica e fasi cliniche.

–  Bondaggio clinico su paziente: procedure di bondaggio indiretto e posizionamento degli archi pre-piegati.

–  Considerazione finali: analisi delle difficoltà tecniche durante le procedure cliniche.

–  Informazioni merceologiche su Harmony: certificazione, acquisto dei casi e offerte

–  Programmazione degli incontri successivi dello Study Club Idiagnosi Ortodonzia.

Letture consigliate
Auluck A. Lingual orthodontic treatment: what is the current evidence base?  J Orthod. 2013 Sep;40 Suppl 1:s27-33.
Grauer D, Proffit WR. Accuracy in tooth positioning with a fully customized lingual  orthodontic appliance. Am J Orthod Dentofacial Orthop. 2011 Sep;140(3):433-43.
Dalessandri D, Visconti L, Bonetti S, Paganelli C. Ortodonzia linguale customizzata: riduzione dei tempi operativi tramite approccio self-ligating. Micerium News n. 12.
Manzo P, Bucci R, Franzese R. L’ortodonzia linguale nell’era digitale: il Sistema Harmony. Micerium News n. 12.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Private: Live surgery in programmazione

Per partecipare attivamente alla pianificazione del prossimo caso in programmazione e per sapere come giungere ad un piano di trattamento razionale, iscriviti allo Study club iDiagnosi

 

Con l’adesione allo Study Club avrete la possibilità di seguire con noi le districate fasi del piano di trattamento, e di assistere alle live surgery in programmazione.

Per informazioni contattare la segreteria organizzativa al num 3921313794 o inviare un email a idiagnosi@gmail.com num. di posti limitato.

L’iscrizione allo study club avrà durata annuale, con la possibilità di poter partecipare ad una seconda live surgery ed agli incontri previsti dal gruppo, i partecipanti riceveranno un voucher per una pianificazione chirurgica implantare Biotech.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Private: Il consenso informato nell’esercizio dell’attività medica

Avv. Antonietta Troncone
Il tema della responsabilità professionale del medico è stato, negli ultimi anni, ampiamente dibattuto sia in dottrina che in giurisprudenza atteso il crescente e preoccupante numero di pazienti che lamenta la (presunta) colpa professionale del proprio medico, soprattutto sotto il profilo della mancata o incompleta acquisizione del consenso informato.
In Italia, infatti, qualunque trattamento sanitario necessita della preventiva acquisizione del consenso del paziente e pertanto sussiste un obbligo del medico di fornirgli, in modo completo ed esaustivo, tutte le informazioni scientificamente possibili riguardanti la diagnosi, il decorso previsto della malattia, le possibili alternative terapeutiche praticabili o l’intervento chirurgico che intende eseguire, con le relative modalità e conseguenze.
Al suddetto obbligo corrisponde un relativo diritto di “autodeterminazione” del paziente, cui dovrebbe conseguire un consapevole esercizio da parte di quest’ultimo della facoltà di scegliere, accettare o anche rifiutare i trattamenti (diagnostici, terapeutici ecc.) proposti dal medico.
Il diritto del paziente a ricevere da parte del medico un’informazione completa e veritiera trova un primo indiretto riconoscimento nella Carta Costituzionale, ed in particolare nell’art. 32, co. 2, il quale sancisce che “Nessuno può essere obbligato ad un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge” in sintonia con il principio fondamentale della inviolabilità della libertà personale (art. 13).
A livello di normativa positiva italiana, però, si rinvengono solo alcune disposizioni nelle quali si fa espresso riferimento al consenso informato (cfr. Decreto del Presidente della Repubblica, 16 giugno 1977, n. 409; Legge 5 giugno 1990, n. 135 (AIDS); Decreto Ministeriale 27 aprile 1992 (sperimentazione).
Una più organica disciplina del consenso informato all’atto medico si rinviene invece nel Codice di Deontologia Medica, approvato dalla Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, che, anche nella sua ultima stesura del dicembre 2006, prevede –“L’obbligo di informazione al Cittadino (art. 33), nonché “ il divieto per il medico di “intraprendere attività diagnostica e/o terapeutica senza l’acquisizione del consenso informato del paziente” e l’obbligo di “desistere in ogni caso, in presenza di documentato rifiuto di persona capace di intendere e di volere, dai conseguenti atti diagnostici e/o curativi, non essendo consentito alcun trattamento medico contro la volontà della persona” (art. 35).
Un’ulteriore specifica regolamentazione del consenso informato è contenuta nella Convenzione di Oviedo del 4 aprile 1997, ratificata in Italia con legge 28 marzo 2001, n. 145, che al Capitolo II stabilisce come regola generale che: “Un intervento nel campo della salute non può essere effettuato se non dopo che la persona interessata abbia dato consenso libero e informato. Questa persona riceve innanzitutto una informazione adeguata sullo scopo e sulla natura dell’intervento e sulle sue conseguenze e i suoi rischi. La persona interessata può, in qualsiasi momento, liberamente ritirare il proprio consenso” (art. 5).
Il consenso informato rappresenta, pertanto, il fondamento della liceità dell’attività sanitaria, in assenza del quale l’attività potrebbe costituire reato.
Detto consenso, come più volte chiarito in giurisprudenza, opera quale causa di giustificazione dell’intervento medico-chirurgico ex art. 50 c.p., escludendone per ciò solo l’antigiuridicità (penale, e a fortiori civile), ma funge più semplicemente da “presupposto” imprescindibile di liceità del trattamento medesimo.
Difatti, con riguardo al mancato consenso informato, è ormai principio consolidato in giurisprudenza che il medico non può intervenire sul paziente senza averne ricevuto prima il consenso.
La mancata richiesta del consenso deve, pertanto, valutarsi quale autonoma fonte di responsabilità in capo ai medici per lesione del diritto del paziente all’autodeterminazione libera e consapevole in ordine alle scelte terapeutiche che attengono alla propria salute.
Alla comprovata lesione del diritto all’autodeterminazione non consegue, però, ipso iure, un danno risarcibile.
Deve, infatti, considerarsi necessaria, da parte del paziente, l’allegazione della lesione dell’interesse protetto e la prova di un conseguente apprezzabile danno che possa dar luogo a risarcimento.
Ha, infatti, correttamente osservato la Suprema Corte (sentenza n. 14638/04) che: “Non è l’inadempimento da mancato consenso informato che è di per sé oggetto di risarcimento, ma il danno consequenziale”, principio rafforzato dalla recente sentenza n. 2847/10, con la quale la Cassazione ha altresì precisato che sussiste pur sempre la necessità di verificare il nesso di causalità tra l’omesso consenso informato ed il danno alla salute lamentato e, a tale fine, occorrerà la prova che, in presenza di adeguata informazione, il paziente non si sarebbe sottoposto all’intervento terapeutico.
In sostanza, il diritto all’autodeterminazione del paziente deve essere valutato, non in astratto, ma alla luce delle effettive possibilità che questi aveva di rapportarsi di fronte all’atto medico: se non vi erano alternative diagnostiche o terapeutiche e se risulta che il paziente, anche se fosse stato correttamente informato, si sarebbe ugualmente sottoposto al trattamento sanitario (ad es. perché dello stesso tipo di altro già assentito), nello stesso tempo e con le medesime modalità, non è dato individuare alcun inadempimento causalmente rilevante.
Al contrario, la rilevanza eziologica sussiste laddove la mancata informazione abbia condotto ad una scelta terapeutica che altrimenti sarebbe stata rifiutata o che, comunque, sarebbe stata diversa, per modalità e tempi, rispetto a quella effettivamente compiuta.
D’altronde, se il bene tutelato dal consenso informato è il diritto all’autodeterminazione sarebbe un controsenso riconoscere il risarcimento del danno qualora dovesse apparire fortemente probabile che il paziente, anche se fosse stato informato correttamente, si sarebbe determinato allo stesso modo rispetto all’atto medico.
Sotto il profilo penale, qualora il trattamento medico venisse effettuato in mancanza di consenso del paziente o addirittura contro la volontà di quest’ultimo e non giungesse ad un risultato positivo, il medico potrebbe essere perseguito per ipotesi di reato che vanno dalla violenza privata (art. 610 C.P. – reato ipotizzabile nel caso in cui non siano state cagionate lesioni ed anche se il trattamento abbia addirittura recato beneficio al paziente che aveva negato il consenso) allo stato di incapacità procurato mediante violenza (art. 613 C.P. qualora per esempio manchi il consenso all’anestesia); resta ormai definitivamente scongiurato il rischio di una condanna per omicidio preterintenzionale (art. 584 C.P.), mentre non può escludersi in caso di morte del paziente la configurabilità di un’ipotesi criminosa particolare prevista dall’art. 586 C.P. (morte quale conseguenza di un reato) nel caso in cui il decesso del paziente sia conseguenza non voluta del reato di violenza privata.
E’ chiaro comunque che “il medico deve prestare l’assistenza e le cure indispensabili” nei casi in cui sussistano “condizioni di urgenza ed in caso di pericolo per la vita di una persona, che non possa esprimere, al momento una volontà contraria” (art. 35 Codice Deontologico).
Da quanto esposto emerge chiaramente che l’acquisizione del consenso informato non è una semplice formalità burocratica ma la condizione inevitabile per trasformare un atto normalmente non permesso (la violazione dell’integrità psicofisica di una persona ) in un atto consentito.
Per quanto riguarda la forma, in alcuni casi la legge prevede espressamente quella scritta (anche per interventi semplicissimi come il prelievo per la donazione di sangue o più complessi come per il trapianto di organi), ma in mancanza di una norma che imponga la forma scritta per lo specifico intervento, considerato che nel nostro ordinamento vige il principio della libertà della forma del negozio giuridico, potrebbe affermarsi la validità di qualsiasi forma (ivi compresa la forma orale e la forma tacita, cioè il comportamento concludente).
Il codice deontologico prevede, ad esempio, che il consenso debba essere“espresso in forma scritta nei casi previsti dalla legge e nei casi in cui per la particolarità delle prestazioni diagnostiche e/o terapeutiche o per le possibili conseguenze delle stesse sulla integrità fisica si renda opportuna una manifestazione inequivoca della volontà della persona”.
Tuttavia, anche quando l’acquisizione del consenso informato per lo specifico intervento non sia soggetta ad alcuna condizione particolare, la forma scritta è senz’altro preferibile al fine, soprattutto sotto il profilo dell’onere probatorio gravante sul medico.
Un documento sottoscritto, sarebbe infatti preziosissimo ove, nel caso di esito negativo dell’intervento sanitario, si rendesse necessario fornire la prova dell’acquisizione del consenso del paziente, con l’avvenuta informazione dello stesso circa i rischi e le possibilità di (in)successo.
Va detto, però, che un consenso opportunamente informato non può certamente ritenersi esistente e validamente rilasciato per il solo fatto che il paziente abbia sottoscritto un apposito modulo prestampato.
Perché un consenso possa dirsi “valido”, il paziente deve essere “opportunamente informato”, pertanto, il sanitario deve aver proceduto all’esatta descrizione dell’intervento medico ritenuto necessario con le eventuali alternative e la spiegazione dei prevedibili rischi derivanti dalla mancata effettuazione della prestazione.
Affinché possa dirsi completo ed esauriente, il documento sottoposto al paziente deve prevedere anche l’illustrazione delle tecniche e di eventuali materiali impiegati, l’indicazione dei benefici come dei rischi derivanti con eventuali complicazioni ed esiti.
Quando è previsto l’uso di particolari strumenti (es. laser) ed è atteso un certo risultato, il paziente deve essere informato del fatto che fattori estranei alla professionalità del chirurgo ed alla precisione dello strumento usato potrebbero comunque influire sulla guarigione e quindi sul risultato.
L’informazione è finalizzata a sollevare il medico (fermo il suo dovere di diligenza professionale) da responsabilità civile di qualsiasi genere, in relazione all’eventuale mancato conseguimento del risultato previsto.
La mancanza di tali condizioni renderebbe inefficace il consenso prestato e illecita l’attività medica espletata.
In tale ottica il consenso non potrà che essere una manifestazione di volontà personale dell’interessato che non può essere delegata ad altri.
Solo per i minori e gli incapaci di intendere e di volere, il diritto all’informazione e alla manifestazione del consenso spettano a coloro che esercitano rispettivamente la potestà genitoriale o la tutela sulle persone destinatarie del trattamento.
Inoltre, l’informazione del paziente deve essere adeguata alla situazione di salute, psicologica, culturale espressa con linguaggio semplice e chiaro, eventualmente anche attraverso l’uso di schede illustrate o materiale video.
Il consenso deve essere riferito allo specifico atto sanitario proposto. Quindi, il consenso prestato per un determinato trattamento non può legittimare il medico ad eseguirne uno diverso, per natura o effetti, salvo che sopraggiunga una situazione di necessità ed urgenza – non preventivamente prospettabile – che determini un pericolo grave per la salute o la vita del paziente.
Inoltre, se la cura considerata prevede più fasi diverse e separabili, il paziente deve dare il suo consenso per ogni singola parte di cura.
E’ necessario che il consenso all’atto proposto sia attuale. L’intervallo di tempo tra la manifestazione del consenso e l’attuazione dell’atto sanitario non deve essere tale da far sorgere dubbi sulla persistenza della volontà del paziente; nel caso lo sia, è opportuno ottenere conferma del consenso in prossimità della realizzazione dell’atto.
Inoltre, è bene evidenziare al paziente la possibilità di revocare il consenso in qualsiasi momento, sempre che l’atto medico sia arrestabile senza imminente pregiudizio per la sua salute.
Chiarito, quindi, che il consenso, per essere “informato”, presuppone una specifica e particolareggiata informazione, questa deve essere necessariamente fornita dal sanitario che deve prestare la sua attività professionale, potendo peraltro ipotizzarsi, in casi di prestazione che avvenga all’interno di strutture complesse, che il soggetto apicale possa delegare l’acquisizione del consenso a qualsiasi medico del servizio di cui è responsabile (anche diverso dal medico che interverrà), il quale si adeguerà alle direttive opportunamente dettate quanto alla forma ed alle modalità dell’atto di ricezione nonché all’ampiezza della stessa informazione da rendere.
Le uniche eccezioni all’obbligo del consenso informato sono:
le situazioni nelle quali la persona malata ha espresso esplicitamente la volontà di non essere informata;
le condizioni della persona siano talmente gravi e pericolose per la sua vita da richiedere un immediato intervento di necessità e urgenza indispensabile. In questi casi si parla di consenso presunto;
i casi in cui si può parlare di consenso implicito, per esempio per quelle cure di routine, o per quei farmaci prescritti per una malattia nota. Si suppone, infatti, che in questo caso sia consolidata l’informazione ed il consenso relativo;
in caso di rischi che riguardano conseguenze atipiche, eccezionali ed imprevedibili di un intervento chirurgico, che possono causare ansie e timori inutili. Se, però, il malato richiede direttamente questo tipo di informazioni, il medico deve fornirle;
i Trattamenti Sanitari Obbligatori (TSO).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Private: Impianti elettrici ed apparecchi elettromedicali negli studi odontoiatrici

Ing. Michele Pizzo.

L’impianto elettrico e gli apparecchi elettromedicali costituiscono la struttura portante di uno studio odontoiatrico ed i  loro requisiti sono condizionanti ai fini del buon funzionamento dello studio stesso.

Deficienze nel funzionamento dell’impianto elettrico o degli apparecchi elettromedicali possono mettere in serio pericolo l’incolumità dei pazienti.

Il Legislatore,  non potendo trascurare questo aspetto rilevante e fondamentale  della sicurezza delle persone, ha sancito tutta una serie di disposizioni a cui gli studi odontoiatrici si devono attenere.

 

  • Attività soggette

 

Per luoghi ad uso medico la Norma CEI 64/8 intende qualsiasi locale destinato a scopi diagnostici, terapeutici, chirurgici, di sorveglianza o di riabilitazione dei pazienti, inclusi i trattamenti estetici; pertanto tutta la normativa vigente relativa ai luoghi ad uso medico è da adottare anche per gli studi odontoiatrici.

Dal punto di vista del rischio elettrico, i locali ad uso medico, sono classificati in tre gruppi (O, 1 e 2).

Gli studi odontoiatrici rientrano nei Locali di Gruppo 1:

locali ad uso medico nei quali le parti applicate degli apparecchi elettromedicali sono connesse al paziente in modo non invasivo (esternamente) oppure in modo invasivo ma non nella zona cardiaca.

 

  • Aspetti generali sulle verifiche periodiche degli impianti elettrici

 

Il controllo periodico degli impianti elettrici è un obbligo che fa capo al datore di lavoro, nel contesto delle attività che deve mettere in atto per mantenere in efficienza tutte le misure di sicurezza per le persone. La legislazione presenta richiami generali che fanno poi riferimento alle specifiche normative tecniche che nel caso degli luoghi adibiti ad uso medico sono riportate nella Norma CEI 64/8 Sez. 710 – “Locali ad uso medico”.

I controlli periodici sugli impianti elettrici variano in funzione di fattori quali la dimensione della struttura, l’accessibilità da parte di pubblico, la tipologia di attività medica svolta nei singoli locali, ecc.

Bisogna infatti tener conto che gli impianti elettrici sono, da una parte fonte di rischio (folgorazione, microshock, innesco e/o propagazione di incendio); ma dall’altra possono contribuire a ridurre o contenere rischi di altra natura (es. illuminazione di sicurezza, alimentazione elettrica  di riserva).

Spetta quindi al datore di lavoro impostare un sistema organico e coordinato di controlli che, tenuto conto delle specificità della struttura, consentono un ragionevole monitoraggio della sicurezza dell’impianto.

Con l’entrata in vigore del DPR 462/2001, sono state introdotte alcune modifiche sostanziali alla regolamentazione preesistente.

Nei luoghi ad uso medico, i controlli periodici sugli impianti elettrici sono normati dall’art. 710.62 della Norma CEI 64/8.

Negli studi odontoiatrici, considerando la dimensione media degli impianti, le verifiche di norma sono:

 

  • Controlli semestrali (datore di lavoro)

ü  Prova funzionamento dei dispositivi di controllo dell’isolamento (se presente);

ü  Prova funzionale dell’alimentazione dei servizi di sicurezza a batteria secondo le istruzioni del costruttore.

ü  Controllo di funzionamento degli apparecchi per l’illuminazione di sicurezza, utilizzando sistemi di autodiagnosi o manuali.

  • Controlli annuali (datore di lavoro)

ü  Esame a vista generale;

ü  Controllo dello stato delle principali connessioni dell’impianto di terra;

ü  Verifica dello stato dei quadri elettrici;

ü  Prova di funzionamento degli interruttori differenziali, con prova strumentale;

  • Controlli biennali (ASL o organismo abilitato)

ü  Verifiche periodiche di legge

  • Controlli triennali (datore di lavoro)

ü  Misure per verificare il collegamento equipotenziale supplementare, nei locali di gruppo 2;

ü  Misura di isolamento.

 

Ulteriori controlli periodici possono essere richiesti in relazione alle tipologie di impianti esistenti all’interno della struttura adibita ad uso medico (es. impianti di rivelazione fumo, impianti di protezione contro le scariche atmosferiche, cabine di trasformazione, ecc.).

 

  • La gestione degli apparecchi elettromedicali.

 

Il controllo della sicurezza degli impianti elettrici non può non estendersi anche agli apparecchi elettromedicali che, per loro natura, possono costituire il veicolo per il quale il paziente è sottoposto ai rischi di natura elettrica.

L’intimo contatto (invasivo in alcuni casi) dell’apparecchio elettromedicale, o combinazione simultanea di più apparecchi o sistemi elettromedicali, può essere la causa per la quale vengono trasferiti al paziente potenziali elettrici pericolosi o altri elementi di rischio.

La sicurezza degli apparecchi elettromedicali è regolamentata dalla Direttiva 93/42/CE “Dispositivi medici” che, per quanto concerne la sicurezza elettrica fa esplicito riferimento alla Norma CEI EN 60601/1 ed alle relative norme particolari.

L’Allegato I alla direttiva 93/42 prescrive, a carico del Costruttore:

  • la marcatura CE del dispositivo ed il rilascio di una dichiarazione CE di conformità;
  • il dispositivo deve essere accompagnato da un manuale d’uso e di manutenzione in lingua italiana;
  • nella documentazione devono essere indicate le informazioni riguardanti la natura e la frequenza delle operazioni di manutenzione e di taratura necessarie per garantire costantemente il buon funzionamento e la sicurezza del dispositivo.

Per una corretta gestione della sicurezza degli apparecchi elettromedicali risulta opportuno elaborare una scheda, per ciascun apparecchio, nella quale vengono raccolte le seguenti informazioni:

  • Dati identificativi dell’apparecchio (matricola, modello, anno di costruzione, costruttore, ecc.);
  • Dati relativi alla classificazione (apparecchio di tipo B, BF o CF, doppio isolamento, tipo di alimentazione, ecc.);
  • Dati relativi alle prove iniziali di accettazione, eseguite al momento della messa in servizio;
  • Dati relativi ad interventi di manutenzione, riparazione, guasti, ecc.

 

I controlli periodici per la sicurezza degli apparecchi elettromedicali rientrano nel contesto della manutenzione preventiva che viene generalmente organizzata su due livelli:

  • manutenzione preventiva di I° livello; viene effettuata dall’odontoiatra e comprende tutti i controlli (ispezione a vista e semplici prove) che sono riportati dal Costruttore nel manuale d’uso;
  • manutenzione preventiva di II° livello; viene effettuata da personale qualificato e consiste nell’esecuzione di tutte le verifiche, ispezioni e prove ai fini della sicurezza.

I risultati  delle  verifiche devono essere riportati su un apposito registro.

Le norme non forniscono indicazioni circa la conformazione del registro e lasciano al Datore di Lavoro

la scelta sulle sue caratteristiche. L’importante è che siano riportate le seguenti informazioni:

 

  • l’effettuazione di una specifica verifica
  • data di esecuzione della verifica
  • esecutore della verifica
  • esito della verifica.

 

La periodicità delle verifiche di sicurezza, raccomandata dalla guida CEI 62-122, è una volta ogni

due anni per le apparecchiature utilizzate negli gli studi odontoiatrici.

Una verifica di sicurezza và comunque sempre effettuata dopo interventi di riparazione degli apparecchi.

E’ facoltà del Costruttore di un apparecchio elettromedicale raccomandare una periodicità

diversa.

La Guida CEI 0-11 – “Guida alla gestione della qualità delle misure per la verifica degli impianti elettrici ai fini della sicurezza”, stabilisce i requisiti organizzativi ed operativi che devono essere adottati da chi effettua controlli e misure, comprendenti:

  • l’addestramento specifico del personale addetto ai controlli;
  • la scelta delle strumentazioni da utilizzare in relazione alle specifiche tipologie di misure;
  • la riferibilità delle misure rispetto a campioni nazionali e/o internazionali;
  • la taratura e calibrazione degli strumenti;
  • la corretta verbalizzazione dei risultati.

Con la pubblicazione di questa norma viene corretto un aspetto sino ad ora trascurato e costituito dalla qualificazione ed organizzazione di chi effettua controlli e misure sugli impianti elettrici.

Il Committente che affida ad una organizzazione esterna l’esecuzione di prove strumentali pertinenti con la sicurezza delle persone, deve pretendere ed accertare la sussistenza di questi elementi organizzativi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Programma eventi study club Idiagnosi 2018.

iDiagnosi Study Club : calendario eventi 2018.

           

Introduzione 

iDiagnosi Study Club, nasce come progetto di formazione clinica attraverso il concetto di “peer review” ovvero il confronto fra colleghi.

La condivisione della fase diagnostica darà la possibilità di crescere professionalmente e di arricchirsi, confrontandosi sugli aspetti clinici, extraclinici e sulle novità presenti.

Lo study club sarà organizzato in incontri bimestrali, nei quali i colleghi interessati potranno assistere, grazie all’ausilio della video-proiezione a procedure cliniche effettuate su paziente in office.

Gli incontri saranno gestiti, quindi, come delle vere e proprie giornate di studio, dall’aspetto informale e con il tema della condivisione, durante i quali il gruppo discuterà dei propri casi clinici, al fine di perfezionare la fase diagnostica e la scelta di un protocollo operativo razionale.

Programma: 2018

 

1.  Sabato 21 aprile: La gestione extraclinica dello studio odontoiatrico:Il valore del tempo. 

 

2. Sabato  5 Maggio: Il primo accesso del paziente alla clinica, dalla telefonata alla prima visita.

3 Sabato 26 Maggio: I nuovi sistemi multimediali: comunicazione eccellente del valore della diagnosi. 

4.    Sabato 18 giugno. Pianificazione ottimale in chirurgia guidata: risoluzione del dubbio terapeutico e riduzione del rischio chirurgico.

5   

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *